Contatti Istituto A.T.Beck Roma

Disturbi alimentari

Cosa sono i disturbi alimentari?

Le principali caratteristiche dei disturbi alimentari possono essere riassunte come segue:

  • Presenza di comportamenti alimentari anormali: digiuni, abbuffate, alimentazione incontrollata (binge-eating)
  • Altri comportamenti anormali quali: vomito indotto, abuso di lassativi o diuretici, eccessivo esercizio fisico
  • Problemi di salute fisica dovuti ai comportamenti di cui sopra (amenorrea, aritmia cardiaca, ipocalemia, osteopenia, erosione dello smalto dei denti, ecc.)
  • Eccessive preoccupazioni per il peso, la forma e l’alimentazione

Esistono diversi tipi di disturbi alimentari:

Anoressia nervosa

Una persona viene definita anoressica quando digiuna per lunghi periodi di tempo (rifiuta di mangiare), ha un peso del 15% (o anche più) al di sotto della norma, è terrorizzata dall’idea di perdere il controllo sull’assunzione di cibo e di acquistare peso. Per questi motivi può ricorrere in modo ossessivo all’esercizio fisico, al controllo della quantità di calorie e di cibo. Tale disturbo negli uomini si associa spesso a forte diminuzione dell’interesse sessuale, e nelle donne all’assenza delle mestruazioni.

Bulimia Nervosa

Si parla di bulimia nervosa quando sono presenti i seguenti aspetti:

  • abbuffate (assunzione di abnormi quantità di cibo in un breve lasso di tempo) che avvengono almeno una volta a settimana e sono caratterizzate da perdita di controllo che impedisce di smettere di mangiare una volta che si è iniziato, e da grossi sensi di colpa e di vergogna;

  • comportamenti compensatori (vomito auto-indotto, uso di lassativi o diuretici, eccessivo esercizio fisico, digiuni) per impedire l’assunzione di peso;

  • grande preoccupazione per il proprio peso e per l’aspetto fisico.

Binge-eating (alimentazione incontrollata)

La persona che soffre di questo disturbo non è in grado di controllarsi e assume grandi quantità di cibo in un breve intervallo di tempo. Tali abbuffate sono seguite da sensi di colpa e vergogna, ma nessun comportamento compensatorio viene intrapreso. Spesso l’assunzione di cibo costituisce un modo per fronteggiare o bloccare sensazioni ed emozioni indesiderate. Il peso può aumentare fino ad arrivare oltre la norma. Infatti, il binge-eating è spesso presente tra gli obesi.

 

Quanto sono diffusi i disturbi alimentari?

Si pensa che disturbi alimentari in forma leggera siano estremamente comuni, specialmente tra le adolescenti e le giovani di età compresa tra i 14 e i 30 anni. La bulimia nervosa colpisce circa il 4.5% delle giovani donne, mentre l’anoressia è più rara (1%). Il 2-3% della popolazione soffre di binge eating. Per quanto riguarda l’obesita, si calcola che negli USA una percentuale tra il 40 e il 50% della popolazione ne è affetta e in Europa il fenomeno sta subendo una rapida crescita (si calcolano già diverse decine di punti percentuali). L’8% degli obesi, inoltre, soffre di binge-eating.

Come si presentano i disturbi alimentari negli uomini?

È stato rilevato che negli ultimi anni i disturbi alimentari si stanno diffondendo anche tra la popolazione maschile. Si calcola infatti che tra i casi di anoressia una percentuale tra il 10 e il 20% (5-10) riguardi soggetti di sesso maschile e tra quelli di bulimia nervosa, invece, la percentuale è compresa tra il 10 e il 15% (quasi nulla su libro fairburn). L’incidenza maschile del binge-eating è pari a quella femminile. È stato inoltre stabilito che l’orientamento sessuale costituisce un fattore di rischio. Stati e

 

Quali sono le conseguenze di un disturbo alimentare?

 

È stato riscontrato che molte persone che soffrono di disturbi alimentari hanno un tono dell’umore basso o depresso. Inoltre, molte soffrono di ansia che spesso è associata al cibo, all’alimentazione, a preoccupazioni riguardo al peso e all’immagine corporea. Spesso i pensieri su questi temi polarizzano l’attenzione dei soggetti e non lasciano spazi ad altri quali, ad esempio, problemi nelle relazioni o bassa autostima.

Il digiuno, le abbuffate, il vomito auto-indotto, l’uso e l’abuso di lassativi possono condurre a malattie del sangue, dell’apparato gastro-intestinale, a problemi nell’equilibrio elettrolitico e quindi a disturbi renali e cardiaci. Alcuni studi indicano che un soggetto anoressico su 5 morirà a causa dei problemi sopraccitati, per inedia o suicidio.

 

Principali cause dei disturbi alimentari

 

Fattori fisici:

  • Ereditarietà
  • Precedenti diete dimagranti

Fattori psicologici:

  • Rapporti familiari problematici
  • Traumi infantili
  • Violenza sessuale
  • Trasformazione dell’anoressia nervosa preesistente
  • Tendenza al perfezionismo unita al senso di inefficacia
  • Bassa stima di sé
  • Depressione
  • Stile passivo di comportamento
  • Preoccupazioni relative al peso e alla linea

Fattori sociali:

  • Influenze della moda attraverso i media
  • Enfatizzazione della magrezza come attributo della bellezza, del successo e della felicità
  • Derisione per il proprio aspetto fisico nell’infanzia e nell’adolescenza

 

In cosa consiste il trattamento?

Il ricovero si potrebbe rendere necessario per i casi di grave anoressia; altri ancora potrebbero essere curati all’interno di un programma di cura giornaliero. Tuttavia, la maggior parte delle persone che soffrono di disturbi alimentari possono essere aiutati attraverso una psicoterapia con cadenza settimanale.
È stato dimostrato che la terapia cognitivo-comportamentale è molto indicata per i disturbi del comportamento alimentare. Essa prevede l’uso di diari che consentono di monitorare l’assunzione di cibo, i comportamenti compensatori, le emozioni e i pensieri connessi al cibo, all’aspetto fisico, al peso. I pazienti imparano ad alimentarsi in modo corretto e a discutere i pensieri disfunzionali che producono emozioni spiacevoli e che perpetuano comportamenti di assunzione incontrollata di cibo, digiuno, vomito, esagerazione nell’esercizio fisico, ecc. Il trattamento di alcuni casi di bulimia può richiedere una terapia di 4-6 mesi, mentre per i casi di anoressia potrebbero essere necessari 1-2 anni. Per coloro che hanno un disturbo lieve il ricorso ad un dietologo può essere sufficiente.