Il Trauma e i Disturbi Stress Correlati

Il Trauma e i disturbi stress correlati sono conseguenze dell’esposizione a un evento traumatico o stressante e nel DSM-5 sono stati classificati in maniera autonoma, indipendenti dai disturbi d’ansia nei quali erano inseriti fino alla precedente edizione.

Nello specifico comprendono:

Sono varie le esperienze che possono rappresentare un trauma psicologico. Il tipo di trauma che la persona sperimenta è solo uno dei tanti fattori che determinano l’impatto del trauma stesso e la probabilità che si sviluppi un PTSD.

Il trauma è stato suddiviso da Terr (1991) in “Tipo I” e “Tipo II”.

Trauma di Tipo I: si riferisce a un singolo evento traumatico, ad esempio un trauma improvviso e inaspettato; in questo caso vi è un rischio più basso di sviluppare un PTSD rispetto al trauma di Tipo II o Trauma Complesso.

Trauma di Tipo II: questo solitamente implica un tradimento sostanziale della fiducia nelle relazioni primarie. Il trauma di Tipo II è spesso interpersonale e causato da una persona nota alla vittima.  Il più delle volte si verifica in combinazione con altri traumi e comporta un rischio più elevato di sviluppare un disturbo post traumatico.

Esperienze traumatiche diverse sono associate a differenti probabilità di sviluppare un disturbo post traumatico perché l’effetto sulla persona dipende dal tipo e dalla gravità del trauma subito.

In questa sezione tratteremo del PTSD e del Complex PTSD/DESNOS, questo ultimo ancora non inserito nella classificazione ufficiale ma riconosciuto dalla pratica clinica; del disturbo traumatico dello sviluppo (DTD Development Traumatic Disorder) inteso come cornice teorica  che fa riferimento alle persone che sono state esposte a un trauma prolungato nel tempo nel contesto delle relazioni interpersonali durante il periodo dell’infanzia; del disturbo reattivo dell’attaccamento (RAD Reactive Attachment Disorder) e del disturbo da impegno sociale disinibito (DSED Disinhibited Social Engagement Disorder), entrambi il risultato di trascuratezza, abbandono sociale a mancanza di adeguate cure durante l’infanzia; e infine della somatizzazione, estremamente comune tra i sopravvissuti a un trauma che molto spesso sviluppano dei sintomi fisici inspiegabili e non riconducibili a cause organiche.

Share This

Se ti piace, condividi

Se ti piace il contenuto di questa pagina condividila, Grazie