ADHD a Casa

ADHD a Casa

Come si manifesta l’ADHD a casa?

I bambini con ADHD presentano un gran numero di comportamenti che possono interferire con la vita familiare:

  • Spesso non ascoltano le istruzioni dei genitori e non obbediscono
  • Sono disorganizzati
  • Spesso dicono cose inopportune
  • Spesso interrompono le conversazioni
  • È difficile portarli a letto la sera
  • Possono mettersi in pericolo a causa della loro distrazione o impulsività
  • Hanno difficoltà a rimanere seduti a tavola durante i pasti
  • Spesso bisogna richiamarli e assisterli per assicurarsi che portino a termine un compito
  • Rifiutano di svolgere i compiti a casa o impiegano un tempo eccessivo per terminarli
  • Possono manifestare facile frustrazione quando le loro richieste non vengono esaudite

Il disturbo ha un forte impatto sui genitori, che sono costretti giorno dopo giorno ad affrontare le esigenze del loro bambino con ADHD e a monitorare i suoi comportamenti; questo può essere estenuante sia dal punto di vista fisico che psicologico.

La frustrazione che molti genitori provano può portare a rabbia e senso di colpa verso sé stessi, e irritazione verso il bambino.

Non solo i genitori, ma anche i fratelli dei bambini con ADHD devono affrontare una serie di sfide:

  • I loro bisogni spesso ricevono meno attenzione rispetto a quelli del bambino con ADHD
  • Possono essere rimproverati in maniera più decisa quando sbagliano, ricevendo meno attenzione per i loro successi, perché dati per scontati
  • Possono essere responsabilizzati nei confronti del fratello e accusati di non aver fatto il proprio dovere se si comporta male sotto la loro supervisione

Al fine di affrontare le sfide quotidiane che un bambino con ADHD pone è necessario essere in grado di padroneggiare una combinazione di compassione e coerenza. Vivere in una casa che fornisce al contempo amore, struttura e prevedibilità è la cosa migliore per un bambino o un adolescente che sta imparando a gestire il suo ADHD.

DODICI CONSIGLI UTILI AI GENITORI PER GESTIRE IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ DEL BAMBINO

  1. Mantenete un atteggiamento positivo. Le armi migliori per aiutare il vostro bambino a far fronte alle sfide dell’ADHD sono il vostro atteggiamento positivo e il buon senso. Quando si è calmi e concentrati, si hanno maggiori probabilità di connettersi con il proprio bambino, aiutandolo a essere a sua volta calmo e concentrato.
  2. Adottate la giusta prospettiva. Ricordate che il comportamento di vostro figlio è legato a un disturbo. Il più delle volte non è intenzionale.
  3. Non lottate anche per le piccole cose, siate disposti a fare qualche compromesso. Un lavoro quotidiano lasciato a metà non dovrebbe costituire un grosso problema se il bambino durante la giornata ne ha completati diversi altri. Se mirate a ottenere la perfezione, non solo rischierete di rimanere insoddisfatti, ma anche di creare aspettative impossibili per il vostro bambino.
  4. Credete nel vostro bambino. Create un elenco scritto di tutti gli aspetti positivi di vostro figlio, di ciò che lo rende unico e prezioso. Abbiate fiducia nel cambiamento e del fatto che il bambino possa imparare, cambiare, maturare, e avere successo. Imparate a pensare con fiducia giorno per giorno.
  5. Prendetevi cura di voi stessi. Se siete stanchi o avete semplicemente perso la pazienza, rischiate di perdere di vista la struttura e il sostegno necessari per supportare il bambino. Prendetevi cura di voi stessi. Cercate di ridurre lo stress dormendo e mangiando bene, praticando esercizio fisico e la mindfulness.
  6. Fornite una struttura. I bambini con ADHD hanno maggiori probabilità di riuscire a completare i lavori quando le attività avvengono secondo schemi e luoghi prevedibili. Il vostro compito sarà di creare delle routine, in modo che il bambino sappia sempre cosa aspettarsi. È importante impostare un tempo e un luogo per ogni cosa per aiutarlo a comprendere e a soddisfare le aspettative. Stabilite rituali semplici e prevedibili per i pasti, per fare i compiti, giocare, e per andare a letto.
  7. Evitate i problemi mantenendo il bambino occupato. Il tempo d’inattività può peggiorare i sintomi e dar vita a comportamenti problematici. Iscrivete il bambino a uno sport, un corso d’arte o di musica. A casa, organizzate attività semplici che possano riempire il tempo libero di vostro figlio. Questi compiti possono essere, ad esempio, aiutare a cucinare, fare un gioco da tavolo o un disegno. Cercate di non fare troppo affidamento sulla televisione o il computer; TV e video giochi sono sempre più violenti e possono aumentare i sintomi del bambino.
  8. Impostate delle regole chiare. I bambini con ADHD hanno bisogno di regole coerenti che possano capire e seguire. Annotate le regole e appendetele in un luogo in cui si possano facilmente leggere. Questi bambini rispondono bene a sistemi organizzati di ricompensa. È importante spiegare in anticipo che cosa accadrà se le regole saranno rispettate e cosa succederà se saranno infrante. A questo punto impegnatevi nel far corrispondere sempre ai comportamenti le conseguenze che avete programmato.
  9. Ricordatevi di complimentarvi con vostro figlio. I bambini con ADHD spesso ricevono critiche, rimproveri e lamentele. Cercate di lodare i comportamenti appropriati, riducendo il più possibile il numero di risposte negative fornite in seguito ad azioni inappropriate. Premiate vostro figlio anche quando raggiunge piccoli risultati.
  10. Utilizzate premi e costo della risposta. Premiatelo con privilegi, lodi o attività, piuttosto che con il cibo o i giocattoli. Le conseguenze dovrebbero essere concordate in anticipo e corrisposte subito dopo il verificarsi del comportamento. Cambiate frequentemente le ricompense, i bambini tendono ad annoiarsi con facilità se sono sempre le stesse. Rimuovete i privilegi quando si presenta un comportamento scorretto. Quando il vostro bambino si comporta male, chiedetegli che cosa avrebbe potuto fare in alternativa.
  11. Incoraggiate il movimento e il dormire. L’attività fisica e il buon riposo possono essere alleati molto utili. I bambini con ADHD hanno molte energie da bruciare. Organizzare sport e altre attività fisiche possono aiutarli a incanalare la loro energia in modo sano. I benefici dell’attività fisica sono infiniti: migliora la concentrazione, riduce la depressione e l’ansia, favorisce la crescita del cervello. La cosa più importante per i bambini con deficit di attenzione, tuttavia, è che l’esercizio fisico migliora il sonno, che a sua volta può anche ridurre i sintomi dell’ ADHD. Trovate uno sport che più si adatti ai punti di forza del vostro bambino. In generale gli sport individuali o di squadra (es. basket) che richiedono costante movimento sono opzioni migliori. Molto consigliate anche le arti marziali, il tae kwon do o lo yoga, che contribuiscono a migliorare il controllo mentale. La carenza di sonno influisce sull’attenzione e può essere molto dannosa. Aiutate vostro figlio a dormire meglio provando, ad esempio, a diminuire il tempo che trascorre di fronte alla televisione, incrementando le attività e l’esercizio fisico durante il giorno. Un’ora prima di andare a letto, impegnatevi con lui in un’attività tranquilla per abbassare il suo livello di eccitazione. Provate anche a dedicare dieci minuti alle coccole con il vostro bambino. Questo creerà un senso di amore e di sicurezza, oltre a fornirgli del tempo per calmarsi.

Se hai bisogno di aiuto o semplicemente vuoi contattare l’Istituto A.T. Beck per qualsiasi informazione,
compila il modulo nella pagina contatti.

Torna su
Cerca