BMI e fameaBMI

BMI e fameaBMI

BMI e fameaBMI

Photo by Arthur Kornakov on Unsplash

Finora la maggior parte della ricerca sull’obesità si è concentrata sullo studio degli individui con un indice di massa corporea (BMI) elevato, ma un gruppo di ricerca sta ora adottando un approccio radicalmente differente. Esaminando individui con un BMI molto basso, i ricercatori hanno  scoperto che, questi soggetti mangiano meno cibo e sono meno attivi degli individui che hanno in BMI nella norma, contrariamente alla considerazione che fossero ben più attivi.

Introduzione

Ormai è più che noto e, soprattutto condiviso, quanto la nostra salute fisica e mentale, l’aspettativa di vita e la qualità della stessa dipendano da una sana alimentazione accompagnata dal movimento quotidiano. L’obesità, ovvero quella condizione in cui c’è un eccessivo accumulo di grasso corporeo in relazione alla massa magra, in termini sia di quantità assoluta, sia di distribuzione in punti precisi del corpo, risulta un fattore precipitante e di mantenimento di malattie fisiche e mentali. Finora la maggior parte della ricerca sull’obesità si è concentrata sullo studio di soggetti  con un indice di massa corporea (BMI) elevato, ma un gruppo di ricerca in Cina sta adottando un approccio diverso.

Lo studio

In uno studio pubblicato il 14 luglio 2022 sulla rivista Cell Metabolism , gli scienziati hanno esaminato individui con un BMI molto basso. Le loro scoperte rivelano che questi individui sono in realtà notevolmente meno attivi rispetto alle persone con un BMI nella norma, inoltre, mangiano meno cibo rispetto a quelli con un normale BMI.

“Ci aspettavamo di scoprire che queste persone sono davvero attive e che hanno tassi metabolici di attività elevati abbinati a un’elevata assunzione di cibo”, afferma l’autore corrispondente John Speakman, professore presso lo Shenzhen Institutes of Advanced Technology in Cina e l’Università di Aberdeen nel Regno Unito . “Si scopre che accade qualcosa di piuttosto diverso! Avevano un’assunzione di cibo più bassa e una minore attività, oltre a tassi metabolici a riposo sorprendentemente più alti del previsto legati a livelli elevati dei loro ormoni tiroidei”.

Gli investigatori hanno reclutato 173 persone con un BMI normale (intervallo da 21,5 a 25) e 150  che avevano classificato come “sano sottopeso” (con un BMI inferiore a 18,5). Sono stati somministrati  questionari per escludere le persone con disturbi alimentari, coloro che hanno affermato di aver intenzionalmente limitato il loro mangiare e coloro che erano stati infettati dall’HIV. Sono stati esclusi individui che avevano perso peso negli ultimi sei mesi potenzialmente correlate a malattie o che stavano assumendo qualsiasi tipo di farmaco. I partecipanti sono stati monitorati per due settimane. La loro assunzione di cibo è stata misurata con una tecnica basata sugli isotopi chiamata “Metodo dell’acqua a doppia etichetta”, che valuta il dispendio energetico in base alla differenza tra i tassi di ricambio dell’idrogeno e dell’ossigeno nell’acqua corporea in funzione della produzione di anidride carbonica. La loro attività fisica è stata misurata utilizzando un rilevatore di movimento basato sull’accelerometria.

Risultati

I ricercatori hanno scoperto che rispetto a un gruppo di controllo che aveva un BMI normale, gli individui sani sottopeso consumavano il 12% di cibo in meno. Erano anche notevolmente meno attivi, del 23%. Allo stesso tempo, questi individui avevano tassi metabolici a riposo più elevati, incluso un elevato dispendio energetico a riposo e un’elevata attività tiroidea.

“Sebbene queste persone molto magre avessero bassi livelli di attività, i loro indicatori di salute del cuore, inclusi colesterolo e pressione sanguigna, erano molto buoni”, afferma il primo autore Sumei Hu, attualmente alla Beijing Technology and Business University. “Questo suggerisce che il basso contenuto di grasso corporeo può prevalere sull’attività fisica quando si tratta di conseguenze a valle”.

Conclusioni

I ricercatori riconoscono alcune limitazioni a questa ricerca, incluso il fatto che, sebbene abbiano misurato l’assunzione di cibo, non hanno misurato ciò che i partecipanti stavano effettivamente mangiando o le loro sensazioni di appetito e di sazietà.

Il team sta ora ampliando la sua ricerca, in considerazione di queste riflessioni. Hanno anche in programma di esaminare le differenze genetiche tra individui normopeso e sani sottopeso. L’analisi preliminare suggerisce polimorfismi a singolo nucleotide in alcuni geni che potrebbero svolgere un ruolo. Quando questi cambiamenti genetici sono stati replicati nei topi, gli animali avevano alcuni aspetti del fenotipo che è stato osservato nei soggetti umani.

“La fase successiva è capire di più sul fenotipo stesso e comprendere più chiaramente i meccanismi che lo generano”, afferma Speakman.

 

Riferimenti

  • People with low BMI aren’t more active, they are just less hungry and ‘run hotter’.” ScienceDaily. ScienceDaily, 14 July 2022.
  • Sumei Hu, Xueying Zhang, Marina Stamatiou, Catherine Hambly, Yumeng Huang, Jianfang Ma, Yiran Li, John R. Speakman. Higher than predicted resting energy expenditure and lower physical activity in healthy underweight Chinese adults. Cell Metabolism, 2022; DOI: 1016/j.cmet.2022.05.012

Autore/i dell’articolo

Se hai bisogno di aiuto o semplicemente vuoi contattare l’Istituto A.T. Beck per qualsiasi informazione,
compila il modulo nella pagina contatti.

Cerca