Cambiamenti di stili di vita, obesità e fattori ambientali

Cambiamenti di stili di vita, obesità e fattori ambientali

Cambiamenti di stili di vita

Photo by Demiahl on Pixabay

Introduzione

L’evoluzione del genere umano ha portato grandi mutamenti sia riguardo lo stile di vita sia riguardo la quantità e qualità dell’alimentazione.

All’epoca dell’uomo “cacciatore–raccoglitore” e “agricoltore” esisteva un equilibrio nella bilancia energetica: la quantità di cibo consumata era direttamente proporzionale al dispendio energetico necessario per procurarsi il pasto. Le caratteristiche dell’alimentazione nel periodo paleolitico-neolitico erano determinate da necessità di gestire la giornata prevalentemente in funzione della ricerca di cibo. Periodi di scarsa disponibilità si alternavano a periodi di maggior alimentazione e ad altri di quasi digiuno. I macronutrienti della dieta dei nostri antenati comprendevano un’elevata quantità di proteine di origine animale in occasione di caccia favorevole, un contenuto medio o basso di grassi, scarsità di zuccheri semplici ed elevato apporto di fibre.

Nell’ultimo secolo, in particolare dal secondo dopoguerra in poi, l’uomo ha modificato repentinamente e profondamente le sue abitudini di vita. A fronte di una maggiore e continua disponibilità di cibo si è verificata una diminuzione del dispendio energetico, grazie al miglioramento della qualità di vita e alla disponibilità di mezzi di trasporto.

Negli ultimi anni si è verificato un ulteriore cambiamento delle abitudini alimentari, in favore di cibi pronti ad elevato contenuto di grassi e zuccheri semplici, che hanno determinato un ulteriore aumento dell’introito calorico. Questi cambiamenti hanno facilitato l’accumulo eccessivo di scorte energetiche, sotto forma di tessuto adiposo, contribuendo allo sviluppo di una vera e propria “esplosione epidemica” dell’obesità.

Definizione

Il sovrappeso e l’obesità sono: “condizioni caratterizzate da eccessivo peso corporeo per accumulo di tessuto adiposo, tale da influire negativamente sullo stato di salute del singolo individuo.” (OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità). Tali condizioni pregiudicano la qualità di vita predisponendo alla comparsa di patologie croniche, pregiudicando l’aspettativa di vita.

L’obesità è associata a malattie cardiovascolari, malattie metaboliche (diabete di tipo 2, dislipidemia, iperirucemia e gotta, sindrome dell’ovaio polistico, infertilità femminile), neoplasie e altre malattie come asma, apnee notturne e reflesso esofageo.

I dati

L’obesità viene identificata da un indice di massa corporea (BMI) superiore a 30 e corrisponde ad un aumento di circa il 20% del peso corporeo relativamente a quello ritenuto ideale.

Attualmente è la malattia metabolica più diffusa nel mondo la cui incidenza ha raggiunto proporzioni epidemiche sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo ed è uno dei più gravi problemi attuali di salute pubblica che interessa adulti, adolescenti e bambini.

Nel modo ci sono oltre 1,9 miliardi di adulti in sovrappeso (oltre 500 milioni obesi), nel mondo oltre 41 milioni di bambini al di sotto dei 5 anni in sovrappeso (OMS).

In Italia nel 2015, più di un terzo della popolazione adulta (35,3%) era in sovrappeso, e una persona su dieci era obesa (9,8%); inoltre complessivamente, il 45,1% dei soggetti di età ≥18 anni era in eccesso ponderale (Rapporto Osserva salute 2016).

Si è riscontrato che dal 2000 al 2010, la prevalenza di persone obese con BMI superiore al 40 è aumentato del 70% e addirittura si è osservato un incremento di più di 10 volte di pazienti con BMI superiore a 50 (Standard Italiani per la Cura dell’Obesità S.I.O./A.D.I. 2012/2013).

Eziopatogenesi dell’obesità

I due aspetti principali che concorrono a determinare l’obesità sono la suscettibilità genetica, stimabile intorno al 40-70%, cioè la predisposizione genetica dell’individuo a diventare obeso, e i fattori ambientali cioè le abitudini alimentari, lo stile di vita, le condizioni socio-culturali e le malattie concomitanti. Tra gli aspetti legati allo stile di vita e le condizioni socioculturali da considerare sono: il livello educativo, la situazione occupazionale, lo stato civile, le condizioni abitative, le relazioni sociali, l’attività fisica e il consumo di alcool. Importante anche la disponibilità economica: le forme più gravi di obesità prevalgono nelle popolazioni con più basso livello socioeconomico. Alcuni di questi aspetti possono configurarsi come veri e propri ambienti obesogeni perché favoriscono l’obesità (per esempio: la disponibilità di cibo a cui siamo sottoposti, un lavoro sedentario, etc.).

Conclusioni

In relazione a quanto detto è fondamentale promuovere interventi in grado di modificare l’alimentazione e lo stile di vita della persona per giungere all’obiettivo primario che è la perdita di peso. Una perdita di peso modesta del 5-10%, è già associata a un miglioramento significativo della salute fisica e del benessere psicologico e in grado di ridurre i rischi per la salute associati all’obesità.

La psicoterapia cognitivo comportamentale (CBT-OB) è uno strumento raccomandato, validato scientificamente, che promuove un cambiamento a lungo termine in grado di condurre alla perdita di peso, attraverso l’acquisizione di un mindset in grado di gestire l’alimentazione e le abitudini di movimento (Dalle Grave 2019).

Chiediamoci se, un aspetto fondamentale del prenderci cura dell’obesità, non sia anche l’approfondimento e la comprensione del ruolo dell’ambiente obesogeno così importante nello sviluppo dell’obesità e quindi investire nella creazione di strategie volte a contrastare il suo effetto.

 

 

Riferimenti

  • Dalle Grave, R., Sartirana, M., El Ghoch, M., Calugi, S. (2019). Treating Obesity with Personalized Cognitive Behavioral Therapy. Springer.
  • Peng Jia (2021). Obesogenic environment and childhood obesity. Obesity Reviews

 

 

Autore/i dell’articolo

Dott.ssa Daria D'Alia
Psicologa - Psicoterapeuta Docente Istituo A.T. Beck di Roma e Caserta. Ha lavorato per 15 anni nei Servizi Psichiatrici del Lazio. Specializzata nei Disturbi dell’Alimentazione e nelle terapie Mindfulness-Based. Conduce gruppi di Mindful Eating e DBT (Dialectical behavior therapy).  

Se hai bisogno di aiuto o semplicemente vuoi contattare l’Istituto A.T. Beck per qualsiasi informazione,
compila il modulo nella pagina contatti.

Cerca