Quando il dolore non passa: COVID-19

COVID-19

Photo by cottonbro on Pexels

Quando il dolore non passa: gli effetti neuropsichiatrici del COVID-19

L’anno 2020 non è di certo iniziato nel migliore dei modi. Giusto il tempo di mettere da parte i coriandoli ed eccoci pronti ad affrontare una di quelle emergenze umane, sociali, economiche e non solo sanitarie che ha messo in ginocchio Paesi, menti, corpi e persone. C’è chi non ce l’ha fatta perché il virus era un passo avanti e chi invece ha gettato la spugna perché il dolore emotivo dato dalle perdite, dalle restrizioni, dall’isolamento ha superato qualunque concezione umana. Sono venuti meno gli scopi, le risorse… e così, per alcuni, è venuta meno la vita. Poi ci sono quelli che quel mostro l’hanno guardato dritto negli occhi e l’hanno sconfitto, ma ancora oggi portano il segno nella mente e nel corpo.

Introduzione

Da quando la pandemia COVID-19 è iniziata l’11 marzo 2020, si è temuto che i sopravvissuti potessero essere a maggior rischio di disturbi neurologici e psichiatrici. Questa preoccupazione, inizialmente basata sui risultati provenienti dagli esiti di altri coronavirus, è stata seguita rapidamente da una serie di casi e evidenze emergenti di coinvolgimento del sistema nervoso centrale nei pazienti affetti da COVID-19, nonché l’identificazione dei meccanismi con cui ciò poteva verificarsi.

Simili preoccupazioni sono state sollevate riguardo alle sequele psichiatriche di COVID-19, con prove che dimostrano che i sopravvissuti sono effettivamente a maggior rischio di disturbi dell’umore e ansia nei 3 mesi successivi all’infezione. Sono necessari dati solidi e a lungo termine per identificare e quantificare adeguatamente le conseguenze della pandemia COVID-19 sulla salute del cervello. Tali informazioni sono necessarie sia per pianificare i servizi che per identificare le priorità di ricerca.

In questo studio recentissimo (Taquet et al, 2021), è stata utilizzata una rete di cartelle cliniche elettroniche per indagare sull’incidenza delle diagnosi neurologiche e psichiatriche nei sopravvissuti al COVID-19 nei 6 mesi successivi all’infezione clinica documentata e sono stati confrontati i rischi associati con quelli a seguito di altre condizioni di salute. È stata esaminata se la gravità dell’infezione da COVID-19, in base all’ospedalizzazione, all’ammissione all’unità di terapia intensiva (ITU) e all’encefalopatia, influisce su questi rischi.

Metodi e campione

Per questo studio retrospettivo sono stati utilizzati i dati ottenuti dalla rete di cartelle cliniche elettroniche TriNetX (con oltre 81 milioni di pazienti). Il gruppo primario comprendeva pazienti che avevano una diagnosi di COVID-19; un gruppo di controllo abbinato includeva pazienti con diagnosi di influenza e un ulteriore gruppo di controllo abbinato includeva pazienti con diagnosi di qualsiasi infezione delle vie respiratorie inclusa l’influenza nello stesso periodo. I pazienti con una diagnosi di COVID-19 o un test positivo per SARS-CoV-2 sono stati esclusi dai gruppi di controllo. Tutti i gruppi includevano pazienti di età superiore a 10 anni che avevano avuto un evento indice il 20 gennaio 2020 o dopo tale data e che erano ancora vivi il 13 dicembre 2020.

È stata stimata l’incidenza di 14 esiti neurologici e psichiatrici nei 6 mesi successivi a una diagnosi confermata di COVID-19: emorragia intracranica; ictus ischemico; parkinsonismo; Sindrome di Guillain Barre; disturbi dei nervi, delle radici nervose e del plesso; giunzione mioneurale e malattie muscolari; encefalite; demenza; disturbi psicotici, dell’umore e disturbi d’ansia (raggruppati e separatamente); disturbo da uso di sostanze e insonnia.

Sono state confrontate le incidenze con quelle nei gruppi di pazienti con influenza o altre infezioni del tratto respiratorio abbinate al punteggio di propensione. I ricercatori hanno studiato il modo in cui queste stime sono state influenzate dalla gravità del COVID-19, in base all’ospedalizzazione, al ricovero in unità di terapia intensiva (ITU) e all’encefalopatia (delirio e disturbi correlati). Per supportare l’efficacia dello studio rispetto all’incidenza e al rischio di sequele neurologiche e psichiatriche, il gruppo primario è stato confrontato con quattro gruppi di pazienti diagnosticati nello stesso periodo con eventi indice aggiuntivi: infezione della pelle, urolitiasi, frattura di un grande osso ed embolia polmonare.

Risultati

Tra 236379 pazienti con diagnosi di COVID-19, l’incidenza stimata di una diagnosi neurologica o psichiatrica nei successivi 6 mesi è stata del 62%. L’84% dei pazienti non ha mai ricevuto una diagnosi simile in passato. Per i pazienti che sono stati ricoverati in una ITU, l’incidenza stimata di una diagnosi è stata del 46,42% e per una prima diagnosi del 25,79%. Per quanto riguarda le diagnosi individuali dei risultati dello studio, l’intero gruppo COVID-19 ha avuto un’incidenza stimata dello 0,56% per l’emorragia intracranica, del 2,10% per quella ischemica, dell’11% per il parkinsonismo, del 67% per la demenza, del 19% per il disturbo d’ansia e dell’1,40% per il disturbo psicotico. Nel gruppo con ammissione ITU, l’incidenza stimata è stata del 66% per emorragia intracranica, 92% per ictus ischemico, 0,26% per il parkinsonismo, 74% per la demenza, 15% per il disturbo d’ansia e 77% per disturbo psicotico. La maggior parte delle categorie diagnostiche erano più comuni nei pazienti affetti da COVID-19 rispetto a quelli che avevano l’influenza e coloro che hanno avuto altre infezioni del tratto respiratorio. Come per le incidenze, le risorse umane sono state più alte nei pazienti che avevano un’infezione da COVID-19 più grave. I risultati sono stati decisamente consistenti.

Discussione

Grazie allo studio condotto è possibile osservare le prime stime significative dei rischi delle principali condizioni neurologiche e psichiatriche nei 6 mesi successivi a una diagnosi di COVID-19, utilizzando le cartelle cliniche elettroniche di oltre 236000 pazienti affetti da questa malattia. Viene riportata la loro incidenza e rapporti di rischio rispetto ai pazienti che avevano avuto influenza o altre infezioni del tratto respiratorio. È possibile riscontrare che sia l’incidenza che i rapporti di rischio sono maggiori nei pazienti che richiedevano ricovero o necessariamente venivano ricoverati presso l’unità di terapia intensiva (ITU) e in quelli che avevano encefalopatia (delirio e altri stati mentali alterati) durante la malattia rispetto a quelli che non lo facevano.

Lo studio fornisce prove di una sostanziale morbilità neurologica e psichiatrica nei 6 mesi successivi all’infezione da COVID-19. I rischi sono maggiori nei pazienti con COVID-19 grave, ma non limitati ad essi.

Conclusioni

Date le dimensioni della pandemia e la cronicità di molte delle diagnosi e delle loro conseguenze (ad esempio demenza, ictus ed emorragia intracranica), è probabile che si verifichino effetti sostanziali sui sistemi sanitari e di assistenza sociale. I dati forniscono prove importanti che indicano la portata e la natura dei servizi che potrebbero essere richiesti. I risultati evidenziano anche la necessità di un maggiore follow-up neurologico dei pazienti che sono stati ammessi all’ITU o hanno avuto encefalopatia durante la malattia COVID-19.

 

Riferimenti

  • Taquet, M. et al. (2021). 6-month neurological and psychiatric outcomes in 236 379 survivors of COVID-19: a retrospective cohort study using electronic health records. The Lancet Psychiatry, 8(5):416–427. doi: 10.1016/S2215-0366(21)00084-5

Sitografia

Autore/i dell’articolo

Dott.ssa Mariangela Ferrone - Psicologa - Psicoterapeuta - Istituto Beck
Psicologa, Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, Psicoterapeuta TMI (terapia metacognitiva interpersonale) livello EXPERT. Per molti anni è stata Coordinatrice del Centro di Psichiatria Perinatale e Riproduttiva, del Servizio di Psicoterapia e Counseling Universitario presso la UOC di Psichiatria – Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma. Attualmente è docente per l’insegnamento di “Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione” nel corso di laurea in Scienze Infermieristiche, sede Sant’Andrea presso la Facoltà di Medicina e Psicologia – Sapienza Università di Roma, nonché docente interno e supervisore clinico dell’Istituto A.T. Beck per le sedi di Roma e Caserta. Socio Aderente della SITCC (Società Italiana di Psicoterapia Comportamentale e Cognitiva).
Per favore descrivi il motivo del contatto. Più informazioni abbiamo a disposizione meglio sappiamo valutare la richiesta e darti la risposta corretta al tuo quesito. Grazie mille
Back To Top
Cerca