skip to Main Content

La Mindfulness e il desiderio sessuale

  • Pubblicato il:
La Mindfulness e il desiderio sessuale
La Mindfulness e il desiderio sessuale

Il desiderio sessuale  rappresenta il frutto di una complessa azione esercitata da vari elementi a livello cognitivo (pensieri), affettivo (umore) e neurofisiologico (eccitabilità) (Kingsberg, 2010).

Come riportato dalla letteratura scientifica, il desiderio appare influenzato da fattori socio-biologici (genere, età, disturbi ormonali) ma anche da fattori psicologici (percezione di sè, depressione, ecc.), fattori relazionali (comunicazione interpersonale) e contestuali (Træen, Martinussen, Öberg, & Kavli, 2007).

La prevalenza del calo del desiderio nelle donne si aggira tra l’8% e il 26% ed è il problema più frequentemente riportato in quelle che si rivolgono a uno psicoterapeuta per disturbi sessuali.

La sfida nel trattare casi di calo del desiderio, sia negli uomini che nelle donne, è la comorbidità con altri disturbi, quali disturbi dell’umore, ansia, fatica, problemi di salute acuti o cronici, farmaci, alimentazione inadeguata, richieste genitoriali, stress lavorativo, problemi economici, scarsa immagine corporea, conoscenza insufficiente sull’anatomia e fisiologia genitale e scarsa comunicazione di coppia.

Esistono varie definizioni di desiderio sessuale nella letteratura clinica e di ricerca. Quando viene chiesto alle donne come spiegarlo, i modi in cui lo fanno sono persino più vari, alcune esprimono anche la confusione tra desiderio ed eccitazione.

Il desiderio può essere visto come una esperienza cognitiva (pensieri, fantasie, motivazioni), un’entità emotiva (sentimenti di interesse sessuale, desiderio di attività sessuale) o un comportamento (recettività o inizio di attività sessuale).

Negli ultimi anni una serie di ricerche ha messo in luce un calo generale del desiderio sessuale sebbene esista una evidenza empirica limitata su tale fenomeno: nello specifico, sul versante maschile ci si è focalizzati sul Disturbo da desiderio ipoattivo, mentre sul versante femminile sul Disturbo del desiderio sessuale e dell’ eccitazione sessuale come riportato nel DSM 5 (APA, 2014).

La perdita del desiderio sessuale è stata ricondotta a vari tipi di cause e processi, quali ad esempio la spossatezza e stanchezza fisica: in più casi, tuttavia, si è voluto mantenere una chiara distinzione tra i disturbi dovuti alla mancanza di desiderio e i disturbi dovuti all’eccitazione sessuale, suggerendo di considerarli come frutto di due situazioni differenti. La perdita del desiderio può essere, infine, senza dubbio causata da una serie di patologie mediche quali sclerosi multipla, diabete, sindrome dell’ovaio policistico, ecc;

Come ovviare al calo del desiderio?

La Mindfulness (Brotto & Goldmeier, 2015), ovvero la pratica dell’essere intenzionalmente e pienamente consapevoli dei propri pensieri, emozioni e sensazioni fisiche in modo non giudicante, completa la Terapia Cognitivo Comortamentale Standard fornendo ulteriori strumenti per comprendere l’esperienza fenomenologica dei pensieri e delle emozioni.

Insegnando ai pazienti a essere non giudicanti, potranno comprendere che i pensieri sono solo pensieri e non necessariamente rappresentazioni accurate della realtà.

Gli interventi basati sulla Mindfulness aumentano la soddisfazione relazionale e riducono lo stress (Carson, Carson, Gil & Baucom, 2004). È pertanto consigliato incorporare questa pratica nel trattamento del calo del desiderio sessuale per massimizzarne l’efficacia terapeutica.

Calo del desiderio sessuale: Ti potrebbe anche interessare

Calo del desiderio sessuale: BIBLIOGRAFIA

  • American Psychiatric Association (2014). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali: quinta edizione. Milano: Cortina Raffaello.
  • Brotto, L. A., & Goldmeier, D. (2015). Mindfulness interventions for treating sexual dysfunctions: The gentle science of finding focus in a multitask world. Journal Of Sexual Medicine, 12(8), 1687-1689.
  • Carson, J.W., Carson, K.M., Gil, K.M., & Baucom, D.M. (2004). Mindfulness-based relationship enhancement. Behavior Therapy, 35, 471-494
  • Kingsberg, S. (2010). Hypoactive sexual desire disorder: When is low sexual desire a sexual dysfunction?. Journal Of Sexual Medicine, 7(8), 2907-2908
  • Træen, B., Martinussen, M., Öberg, K., & Kavli, H. (2007). Reduced sexual desire in a random sample of Norwegian couples. Sexual And Relationship Therapy, 22(3), 303-322.
Back To Top