Narcisismo, ansia e Facebook Addiction

Narcisismo, ansia e Facebook Addiction

Photo by Glen Carrie on Unsplash

Narcisismo, ansia e Facebook Addiction: quando la personalità incontra i social

Il narcisismo vulnerabile e il narcisismo grandioso condividono il nucleo del sé narcisistico, ma sono considerati come forme separate di questo tratto della personalità. Mentre in passato ci si concentrava principalmente sui meccanismi che collegano il narcisismo grandioso all’uso di Facebook che crea dipendenza, non è chiaro perché gli individui con livelli elevati di narcisismo vulnerabile siano a rischio di sviluppare la cosiddetta Facebook Addiction (FA). Di seguito, lo studio di Brailovskaia et al. (2020) ci aiuta a fornire una risposta.

Il presente studio ha esaminato i legami tra narcisismo vulnerabile e grandioso, sintomi di ansia e FA, in un campione di 327 utenti di Facebook (età: M (SD) = 23,67 (3,96), range: 18-56).

Narcisismo grandioso e vulnerabile

Più di due decenni fa, Wink ha descritto i due volti del narcisismo: il grandioso e il vulnerabile. In entrambe le forme di narcisismo troviamo la forte convinzione nella propria unicità e superiorità, un alto livello di amor proprio, l’idea che tutto gli sia concesso e dovuto. Stessa cosa vale per la ricerca dell’attenzione e il desiderio di ammirazione, così come la bassa gradevolezza. Gli individui con livelli elevati di narcisismo grandioso in genere hanno molti contatti sociali superficiali. Si presentano come affascinanti, carismatici, intelligenti, sicuri di sé, estroversi nelle relazioni sociali. Sono eccezionali in fatto di auto-promozione. Fintanto che i contatti sociali rimangono superficiali le persone narcisiste spesso ricevono feedback positivi dalle persone con cui interagiscono e questo conferma la loro convinzione della propria grandiosità e promuove ulteriormente la loro autostima.

Precedenti ricercatori definivano la forma vulnerabile del narcisismo come disadattiva o patologica. È positivamente associato a sensibilità, insoddisfazione e atteggiamento difensivo. Questi soggetti tendono ad esprimere dubbi su sé stessi e ansia, e ad essere ipersensibili rispetto alle valutazioni sociali. Sono caratterizzati da insicurezza, timidezza e scarsa competenza sociale; pertanto, in genere si impegnano meno nelle interazioni sociali, non sono in grado di promuovere un’immagine positiva di sé e quindi percepiscono meno attenzione e ammirazione attese dagli altri rispetto agli individui con alti livelli di narcisismo grandioso. Ciò si traduce in un ridotto senso di controllo e in una violazione della loro fragile autostima.

L’avvento delle piattaforme sociali ha fornito agli individui la possibilità di impegnarsi in interazioni sociali senza contatto faccia a faccia. Contrariamente all’interazione faccia a faccia, che spesso richiede decisioni rapide sul proprio comportamento, l’attività online inclusa l’auto-presentazione sui siti di social networking (SNS) può essere pianificata e controllata con precisione. Questa condizione aumenta la possibilità di ottenere feedback positivi online da un vasto pubblico e quindi di accrescere la propria autostima. Ciò corrisponde agli obiettivi narcisistici e contribuisce all’assunzione che l’uso di SNS potrebbe essere particolarmente attraente per i narcisisti. Considerando la sua grande popolarità, Facebook è stato il principale SNS di scelta per indagare la relazione tra narcisismo e SNS: è stato riferito che individui con livelli elevati di narcisismo grandioso trascorrono molto tempo su Facebook e si impegnano in un uso intensivo di questo SNS. Hanno molti amici, caricano spesso foto, impostano “Mi piace”, scrivono messaggi privati ​​e aggiornamenti di stato e commentano gli aggiornamenti di altri membri della piattaforma social. I SNS costituiscono il contesto in cui lo scambio sociale sulla base di contatti online per lo più superficiali fornisce tipicamente alle persone narcisiste l’attenzione e l’ammirazione che stanno cercando, soddisfa il loro bisogno di popolarità e favorisce l’esperienza di emozioni positive.

Gli studi incentrati sulla relazione tra narcisismo vulnerabile e attività sulle piattaforme sociali sono relativamente rari. In corrispondenza della ricerca sul narcisismo grandioso, i risultati disponibili hanno indicato che le persone con livelli elevati di narcisismo vulnerabile si impegnano nell’uso intensivo di Facebook scrivendo frequentemente messaggi privati, aggiornamenti di stato e commenti, caricando foto e impostando “Mi piace”. È stato sostenuto che la mancanza di un contatto faccia a faccia su Facebook e la possibilità di pianificare e controllare la propria presentazione di sé in modo più completo rispetto alle interazioni offline potrebbe ridurre l’atteggiamento difensivo e la timidezza dei narcisisti vulnerabili nelle relazioni sociali. A causa della loro maggiore capacità difensiva e della scarsa competenza sociale, i narcisisti vulnerabili non sono in genere in grado di promuovere un’immagine positiva della loro persona nelle interazioni sociali faccia a faccia. Di conseguenza, il loro forte bisogno di attenzione e ammirazione rimane insoddisfatto. Su Facebook hanno abbastanza tempo per creare e controllare le loro interazioni sociali e la presentazione di sé. Questa condizione aumenta la probabilità di ricevere feedback positivi da altri utenti e quindi di compensarne la mancanza nel mondo offline. È chiaro quindi che essi tendono ad utilizzare gli SNS per regolare i sentimenti negativi e per migliorare l’umore, oltre che per ridurre i sintomi d’ansia. Tuttavia, questo feedback positivo può contribuire allo sviluppo di tendenze alla dipendenza che possono avere un impatto negativo sul loro benessere.

Dallo studio è emerso che i sintomi di ansia mediano positivamente la relazione tra narcisismo vulnerabile e FA; questo risultato potrebbe essere interpretato come segue: a causa della loro bassa competenza sociale, i narcisisti vulnerabili spesso non ricevono l’attenzione e l’ammirazione che stanno cercando e questa esperienza negativa contribuisce all’aumento dei livelli di ansia (sociale). L’aumento dell’ansia può avere un ulteriore impatto negativo sulla loro auto-presentazione offline e sulle interazioni sociali, e probabilmente riduce ulteriormente la loro probabilità di ottenere un feedback positivo, il che è di particolare importanza per l’autoregolazione.

I presenti risultati sono di grande interesse: contribuiscono a una migliore comprensione delle due forme di narcisismo, della loro relazione con l’attività online problematica. I risultati consentono di supporre che l’uso di SNS possa a breve termine aiutare gli individui con livelli elevati di narcisismo vulnerabile a sfuggire al circolo vizioso della mancata soddisfazione del bisogno di riconoscimento e apprezzamento, del verificarsi di sintomi di ansia e ritiro sociale offline. Inoltre, le presenti scoperte rivelano che anche se, a differenza dei narcisisti vulnerabili, i narcisisti grandiosi sono caratterizzati da un’auto-presentazione carica di stima di sé, sembrano esserci caratteristiche nascoste di insicurezza e ansia associate che aumenta il rischio di sviluppare tendenze alla dipendenza da Facebook. Questi fattori di rischio sono attributi tipici dei narcisisti vulnerabili, ma il loro verificarsi è piuttosto frequente anche per la forma grandiosa. Quindi, si può ipotizzare che il narcisismo grandioso e il narcisismo vulnerabile condividano più somiglianze di quanto si pensasse in precedenza. Tuttavia, a differenza dei narcisisti vulnerabili, i narcisisti grandiosi sono maggiormente in grado di controllare e mascherare la loro ansia nel mondo offline.

Pertanto, si può concludere che entrambe le forme di narcisismo sono positivamente correlate ai sintomi di ansia e FA. Inoltre, l’associazione tra entrambe le forme di narcisismo e FA è in parte mediata dai sintomi di ansia. I risultati entrano in un nuovo territorio rivelando somiglianze nascoste tra narcisisti vulnerabili e grandiosi, sottolineando che meccanismi simili potrebbero spiegare il loro aumento del rischio di sviluppare tendenze di dipendenza nell’uso di Facebook. Questi risultati dovrebbero essere considerati quando si valutano gli individui a rischio di FA e quando si sviluppano programmi di intervento terapeutico per affrontare l’uso problematico delle piattaforme sociali.

 

Riferimenti

 

Autore/i dell’articolo

Dott.ssa Mariangela Ferrone - Psicologa - Psicoterapeuta - Istituto Beck
Psicologa, Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, Psicoterapeuta TMI (terapia metacognitiva interpersonale) livello EXPERT. Per molti anni è stata Coordinatrice del Centro di Psichiatria Perinatale e Riproduttiva, del Servizio di Psicoterapia e Counseling Universitario presso la UOC di Psichiatria – Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma. Attualmente è docente per l’insegnamento di “Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione” nel corso di laurea in Scienze Infermieristiche, sede Sant’Andrea presso la Facoltà di Medicina e Psicologia – Sapienza Università di Roma, nonché docente interno e supervisore clinico dell’Istituto A.T. Beck per le sedi di Roma e Caserta. Socio Aderente della SITCC (Società Italiana di Psicoterapia Comportamentale e Cognitiva).
Per favore descrivi il motivo del contatto. Più informazioni abbiamo a disposizione meglio sappiamo valutare la richiesta e darti la risposta corretta al tuo quesito. Grazie mille
Back To Top
×Close search
Cerca