Orientamento sessuale e autismo: l’arcobaleno nello spettro

Orientamento sessuale e autismo

Photo by Monika Kozub  on Unsplash

Definizione di orientamento sessuale

L’orientamento sessuale include i sentimenti di attrazione fisica, romantica ed emotiva verso persone del sesso opposto (eterosessualità), dello stesso sesso (omosessualità) o di entrambi i sessi (bisessualità). Inoltre, sono in fase di studio anche altri tipi di orientamento, quali l’asessualità (che indica la mancanza di attrazione, fisica o romantica o di entrambi i tipi, nei confronti di altre persone), e la pansessualità (attrazione verso altre persone indipendentemente da sesso e identità di genere).

È molto importante distinguere l’orientamento sessuale da:

  • sesso biologico: si riferisce al sesso determinato dai cromosomi sessuali, che definisce l’individuo alla nascita. Include il sesso maschile e femminile, con l’eccezione degli individui nati con le caratteristiche di entrambi i sessi (a livello cromosomico, ormonale o fisiologico), a cui ci si riferisce con il termine intersex, e che vengono inclusi nella comunità LGBTQI+;
  • identità di genere: indica il genere (maschile o femminile) a cui la persona sente di appartenere. Non sempre questo coincide con il sesso biologico, per cui una persona nata in un corpo femminile può sentire di appartenere al genere maschile e viceversa, sperimentando quella che viene chiamata “disforia di genere”, e in questo caso si parla di persona transgender. Solitamente, gli individui transgender affrontano un percorso di transizione (che può includere terapia ormonale e interventi chirurgici) che consente loro di
  • ruolo di genere: include le regole sociali di comportamento attribuite a maschi e femmine a seconda della cultura di appartenenza.

Orientamento sessuale e autismo

Negli adolescenti e negli adulti con autismo che non presentano disabilità cognitiva l’esperienza dell’attività sessuale (solitaria o con un partner) è comune, contrariamente a quanto si pensava fino a pochi anni fa, quando si identificavano le persone con ASD (Autism Spectrum Disorder) come prevalentemente asessuali, o si riteneva comunque che la sessualità rappresentasse una difficoltà e fosse per loro fonte di disagio. Ad ogni modo, sono comunque state osservate delle differenze tra persone nello spettro e persone neurotipiche per quanto riguarda lo sviluppo sessuale (Dewinter et al., 2017).

Ciò che emerge dagli studi più recenti è che la sessualità nelle persone con autismo è ancora poco studiata, e ciò comporta la mancanza di dati e informazioni fondamentali su un aspetto di vita che si è rivelato basilare e comunemente presente negli individui nello spettro. Rispetto all’orientamento sessuale nello specifico, diverse ricerche hanno evidenziato una percentuale maggiore del previsto di interesse omosessuale e bisessuale nelle persone con ASD, che includeva attrazione fisica e fantasie (Dewinter et al., 2013). Nella popolazione con autismo, dunque, è stato trovato un maggior numero di persone bisessuali, omosessuali e asessuali, e una percentuale minore di individui eterosessuali (George & Stokes, 2018).

Lo studio

Una ricerca recente (George & Stokes, 2018) ha indagato nello specifico l’orientamento sessuale nell’autismo: è stato reclutato online un campione internazionale di 309 individui (90 maschi e 219 femmine) con ASD, con età media di 32 anni, e se ne è valutato l’orientamento sessuale attraverso la Sell Scale of Sexual Orientation. Successivamente, i risultati sono stati confrontati con quelli ottenuti da individui con sviluppo neurotipico, che costituivano il gruppo di controllo (310 persone, di cui 84 maschi e 226 femmine), con età media di circa 30 anni.

I risultati dello studio suggeriscono che l’orientamento sessuale sia contingente alla diagnosi: tra le persone con autismo, il 69,7% ha dichiarato di essere non-eterosessuale, rispetto al 30,3% che l’ha dichiarato nel gruppo a sviluppo tipico. In generale, il gruppo di persone con ASD ha riportato maggiori percentuali di omosessualità, bisessualità e asessualità rispetto al gruppo di controllo, e percentuali più basse di eterosessualità. Questa ricerca, dunque, conferma l’ipotesi secondo cui la non-eterosessualità sia più diffusa nella popolazione autistica.

Conclusioni

I risultati dello studio presentato e il resto della letteratura sull’argomento consentono di riflettere sulle differenze che si possono riscontrare nell’orientamento sessuale delle persone nello spettro. Ciò è fondamentale in quanto evidenzia la necessità di fornire programmi di educazione sessuale specifici per individui con autismo, in modo da fornire il supporto e la conoscenza adeguati. Inoltre, emerge anche l’importanza di formare adeguatamente i professionisti, come medici e psicologici, e i care givers, così da fornire aiuto e sostegno se necessario e favorire l’inclusione delle persone nello spettro non-eterosessuali.

A questo scopo sono state create, nel mondo, associazioni che danno specifico supporto alle persone con autismo facenti parte della comunità LGBTQI+. Una di queste è l’organizzazione non-profit americana “Twainbow – People living under a double-rainbow”, il cui nome deriva dai termini “twain” (ovvero “two”, cioè “due”) e “rainbow” (“arcobaleno”), che riunisce appunto individui che “vivono sotto un doppio arcobaleno”: uomini e donne omosessuali, bisessuali e transgender, e facenti parte dello spettro autistico. L’associazione fornisce supporto sociale ai suoi membri, e offre aggiornamenti e informazioni sulle ultime ricerche realizzate sull’argomento, con il doppio scopo quindi di fornire sostegno e favorire la conoscenza e la comprensione. È possibile contattare l’organizzazione tramite la sezione “contatti” del sito https://www.twainbow.org/.

 

Riferimenti

  • Dewinter, J., De Graaf, H., Begeer, S. (2017). Sexual Orientation, Gender Identity, and Romantic Relationships in Adolescents and Adults with Autism Spectrum Disorder. Journal of Autism and Developmental Disorders, 7(9): 2927–2934
  • Dewinter, J., Vermeiren, R., Vanwesenbeeck, I., van Nieuwenhuizen, C. (2013). Autism and normative sexual development: a narrative review. Journal of Clinical Nursing, 22, 3467–3483
  • George, R., Stokes, M.A. (2018). Sexual Orientation in Autism Spectrum Disorder. Autism Research, 11: 133–141
  • http://www.societasessuologia.it/orientamento-sessuale/item/61-orientamento-sessuale.html
  • https://www.twainbow.org/

Autore/i dell’articolo

Dott.ssa Roberta Bacchio - Psicologa, terapista specializzata nell’ambito dell’autismo, specializzanda in terapia cognitivo-comportamentale presso l’Istituto A.T. Beck.
Psicoterapeuta. Si occupa da diversi anni di disturbi dell’età evolutiva, e possiede esperienza in particolare nella diagnosi e nel trattamento dei Disturbi dello Spettro autistico. Attualmente esercita la libera professione in collaborazione con l’Istituto Beck for Kids di Roma.
Per favore descrivi il motivo del contatto. Più informazioni abbiamo a disposizione meglio sappiamo valutare la richiesta e darti la risposta corretta al tuo quesito. Grazie mille
Back To Top
×Close search
Cerca