Tra ruminazione e rimuginio: lo stile di pensiero perseverativo

Tra ruminazione e rimuginio: lo stile di pensiero perseverativo

Stile di pensiero preservativo

Photo by Andrea Piacquadio on Pexels

Il pensiero perseverativo si riferisce ad uno stile di attività mentale che implica continuare a ragionare in modo ripetitivo su pensieri negativi siano essi ipotesi sul futuro o giudizi negativi su di sé o sugli altri. Nello specifico:

  • Fissa attenzione e pensiero su contenuti negativi
  • Aumenta e prolunga le emozioni negative
  • Non permette la riduzione delle emozioni negative
  • Può generare conseguenze esterne negative che stimolano altri pensieri o emozioni di disagio
  • Impedisce l’esplorazione di possibili risposte alternative e la raccolta di nuove informazioni

Ruminazione maladattiva

È una forma ripetitiva di attenzione rivolta a sé, al fatto che si è depressi, ai propri sintomi e alle loro cause, significati e conseguenze, caratterizzata da ricorrenza e persistenza (Nolen-Hoeksema, 1999). Ciò che distingue la ruminazione da altre forme di pensiero automatico negativo, è la sua caratterizzazione come un vero e proprio stile di risposta per fronteggiare l’umore depresso. Si tratta, cioè, di una differenza individuale stabile, una caratteristica di personalità. È quindi uno stile di coping specifico basato sulle emozioni e centrato su sé stessi. La ruminazione è un processo cognitivo comune e non necessariamente patologico. Quindi, cosa la rende maladattiva e inutile?

Questi tre fattori teorici contribuiscono a rendere patologica la ruminazione (Wells & Matthews, 1994):

  1. Quando la ruminazione viene usata ad esempio come risposta a pensieri o emozioni negativi
  2. Per cosa la ruminazione viene usata ad esempio come processo prevalente di problem solving
  3. Se la ruminazione viene valutata negativamente (es. “Non riesco a controllare la mia ruminazione”)

Di base, gli esseri umani hanno delle credenze rispetto ad essa:

Credenze metacognitive positive

Riguardano l’utilità della ruminazione come strumento per affrontare, comprendere e trovare soluzioni ai problemi

Credenze metacognitive negative

  • Sull’impossibilità di controllare la ruminazione
  • Sul significato e le conseguenze dei sintomi affettivi (come segni di esaurimento nervoso, incapacità, inferiorità e vulnerabilità)

Rimuginio o worry

Il worry è una risposta disadattiva consistente in cicli di autoregolazione ripetitivi e non risolutivi (Wells, 1994). È una tipologia di pensiero cosciente che ruota intorno ad un unico tema e che si ripete in assenza di immediate richieste ambientali che lo rendano necessario (Martin & Tesser, 1996).

La preoccupazione è difficile da controllare ed è associata a sintomi somatici quali tensione muscolare, irritabilità, difficoltà legate al sonno e irrequietezza.

Il worry, ossia la preoccupazione, non è necessariamente un fenomeno patologico. È un processo utile nella misura in cui permette di mantenere alti i livelli di vigilanza verso un possibile pericolo e di attivare quei processi cognitivi coinvolti nel problem solving.

Il worry diventa patologico quando perde la sua funzione adattiva, cioè quando diventa incontrollabile, fastidioso, auto-perpetuantesi, quando interferisce con le altre attività del soggetto o ostacola la risoluzione efficace dei problemi.

Come per la ruminazione, anche rispetto al rimuginio si sviluppano delle credenze:

Credenze metacognitive positive

Riguardano l’utilità del rimuginio come strumento utile per risolvere problemi, per reagire tempestivamente a minacce, per evitare danni

Credenze metacognitive negative

Il rimuginio è visto come un processo automatico, non sottoposto al controllo volontario

Esempi di metacognizioni

  • Positive
  • “Rimuginare/ruminare mi aiuta a evitare problemi nel futuro”
  • “Se mi preparo al peggio e se ci penso molto, posso affrontare meglio le cose”
  • “Ho bisogno di ruminare/rimuginare per capire dove ho sbagliato, per potermi organizzare e risolvere i problemi”
  • “Le persone che non rimuginano/ruminano sono persone superficiali”
  • Negative
  • “Ho paura di non riuscire a controllare i miei pensieri come vorrei”
  • “Se non controllassi un pensiero minaccioso e ciò che temo dovesse accadere, mi sentirei in colpa per ciò che è avvenuto”
  • “Se non riesco a fermarli, i miei pensieri si concretizzeranno

Come riuscire a considerare i pensieri e le emozioni come degli stati interni e non dei dati di realtà

Uno dei modi efficaci per restare intrappolati è il ricorso alla Detached Mindfulness, ossia uno stato di coscienza dei propri eventi interni, senza sentirsi in obbligo di valutarli, senza tentare di controllarli o di reprimerli e senza mettere in atto qualche comportamento particolare.

Questo si può fare, ad esempio, decidendo di non preoccuparsi in risposta a un pensiero intrusivo, permettendogli di occupare il proprio spazio mentale, senza intraprendere alcuna azione o dargli alcuna interpretazione ulteriore, con la consapevolezza che si tratta solo di un evento mentale.

 

Riferimenti

  • Wells, A., & Matthews, G. (1996). Modelling cognition in emotional disorder: The S-REF model.Behaviour Research and Therapy, 34, 881-888
  • Wells, A. (2005). Detached mindfulness in cognitive therapy: A metacognitive analysis and ten techniques. Journal of Rational-Emotive & Cognitive-Behavior Therapy, 23, 337-355.
  • Wells, A. (1997). Cognitive therapy of anxiety disorders: A practice manual and conceptual guide. Chichester, UK: Wiley. Trad. it: Trattamento cognitivo dei disturbi d’ansia. Milano: McGraw Hill, 1999.
  • Wells, A. (2007). The attention training technique: theory, effects, and a metacognitive hypothesis on auditory hallucinations. Cognitive and Behavioral Practice, 14, 134-138.
  • Wells, A. (2009). Metacognitive therapy for anxiety and depression. The Guilford Press, New York. Trad. it.: Terapia metacognitiva dei disturbi d’ansia e della depressione. Eclipsi: Firenze, 2012
  • Papageorgiou, C., & Wells, A. (1998). Effects of attention training on hypochondriasis: A brief case series. Psychological Medicine, 28, 193-200.
  • Papageorgiou, C., & Wells, A. (2000). Treatment of recurrent major depression with attention training. Cognitive and Behavioral Practice, 7, 407-413.

 

Sitografia

Autore/i dell’articolo

Dott.ssa Mariangela Ferrone - Psicologa - Psicoterapeuta - Istituto Beck
Psicologa, Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, Psicoterapeuta TMI (terapia metacognitiva interpersonale) livello EXPERT. Per molti anni è stata Coordinatrice del Centro di Psichiatria Perinatale e Riproduttiva, del Servizio di Psicoterapia e Counseling Universitario presso la UOC di Psichiatria – Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma. Attualmente è docente per l’insegnamento di “Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione” nel corso di laurea in Scienze Infermieristiche, sede Sant’Andrea presso la Facoltà di Medicina e Psicologia – Sapienza Università di Roma, nonché docente interno e supervisore clinico dell’Istituto A.T. Beck per le sedi di Roma e Caserta. Socio Aderente della SITCC (Società Italiana di Psicoterapia Comportamentale e Cognitiva).

Se hai bisogno di aiuto o semplicemente vuoi contattare l’Istituto A.T. Beck per qualsiasi informazione,
compila il modulo nella pagina contatti.

Cerca