L’amorevolezza come strumento di guarigione. Il contributo dell’Hakomi Mindful Psychotherapy al trattamento delle dipendenze

L’amorevolezza come strumento di guarigione. Il contributo dell’Hakomi Mindful Psychotherapy al trattamento delle dipendenze

Hakomi Mindful Psychotherapy

“Se sei un corpo VIVO, nessuno può insegnarti come stare al mondo e quale sia la verità,
perché sarà il tuo corpo a indicartelo.”
Stanley Keleman

 

L’Istituto A.T. Beck organizza il workshop di formazione sul contributo dell’Hakomi Mindful Psychotherapy al trattamento delle dipendenze

 Sabato 23 Novembre 2024 dalle ore 9:00 alle ore 18:00

Al termine del workshop verrà rilasciato un attestato di partecipazione che verrà inviato tramite e-mail.

Perché frequentare un workshop dedicato al contributo dell’Hakomi Mindful Psychotherapy al trattamento delle dipendenze

Con i suoi principi di fondo e con le sue modalità operative, l’Hakomi Mindful Somatic Psychotherapy (Kurtz, 1981) è in grado di fornire al clinico che opera nel campo dei disturbi da addiction una serie di spunti di riflessione e di strumenti concreti in almeno tre aree. La prima riguarda la presenza del terapeuta. Gli Hakomi therapist, infatti, lavorano in un particolare stato di apertura all’esperienza dell’altro, che definiscono di loving presence. Il percorso con i pazienti è un viaggio collaborativo alla scoperta di sé, in cui il terapeuta funge da guida. Questo atteggiamento di fondo del clinico lenisce il senso di vergogna e isolamento che le persone alle prese con una dipendenza sperimentano ogni giorno e crea le basi per una relazione terapeutica in cui sia possibile fidarsi, affidarsi e aprirsi.

La seconda dimensione riguarda l’esplorazione della componente somatica dell’addiction. Nell’Hakomi tutto ciò che accade nel corpo, spesso al di sotto della soglia della nostra coscienza, viene studiato in mindfulness, condizione risvegliata, rilassata e non giudicante. Attraverso questo processo di assisted self-study, ovverosia di auto-studio assistito dal terapeuta, si arriva alla comprensione dei meccanismi psicosomatici di organizzazione della propria esperienza. La tensione verso la sostanza può essere, così, riconosciuta, esplorata con curiosità e non necessariamente agita. Questo processo consente, inoltre, di accedere agli apprendimenti impliciti perlopiù immagazzinati nelle prime fasi della vita. Esso permette, cioè, di gettare luce sulle circostanze storiche in cui siano stati messi a punto certi tipi di adattamenti al dolore di esistere – in questo caso, la dipendenza – e su quali siano le convinzioni di fondo che li sorreggano.

Infine, le recenti applicazioni dell’Hakomi al lavoro con il trauma offrono un set di strumenti che danno modo di lavorare sul corpo di questi pazienti, affinché quest’ultimoda principale bersaglio del craving, possa diventare canale di guarigione e tempio di un nuovo modo di essere in relazione con sé stessi e con il mondo.

Il modulo affianca momenti di esposizione teorica a momenti di apprendimento di tipo esperienziale.

Perché scegliere questo workshop

Il modello di riferimento presentato è il Metodo Hakomi, una Psicoterapia Corporea basata sulla Mindfulness, molto diffusa e praticata nel mondo, che approda in Italia grazie alla apertura e alla curiosità scientifica della direttrice dell’Istituto Beck, Antonella Montano.

In quanto Psicoterapia Corporea l’Hakomi si avvale di un set di strumenti che consentono di porre attenzione agli aspetti somatici del paziente in terapia – tensioni, impulsi al movimento, posture, atteggiamenti – accanto a ciò che il paziente già racconta e sa di sé.

Esso offre un modello di lavoro profondo che permette di trattare con eleganza e delicatezza anche quelle ferite – difficilmente accessibili con la sola terapia della parola – che possano avere avuto origine nelle prime fasi della vita in normali situazioni di non-sintonizzazione tra bambino e caregiver.  Le recenti applicazioni del Metodo al trattamento del Trauma semplice e complesso forniscono un ventaglio di strategie per accedere somaticamente alle “risorse” del paziente, rieducandone il sistema nervoso a dimorare all’interno di quella finestra di tolleranza da cui è possibile recuperare la “pensabilità” – e quindi il trattamento – del trauma stesso.

Chi può frequentare il workshop

Il workshop è aperto a Psicologi, Psicoterapeuti, Medici, Infermieri, Istruttori di Mindfulness, Istruttori di Yoga, Fisioterapisti, Osteopati e chiunque svolga una professione d’aiuto.

La docente

Dott.ssa Valentina IadelucaDott.ssa Valentina Iadeluca:
Psicologa, Certified Hakomi Therapist e Teacher. Si forma e lavora in Italia, in Spagna e negli Stati Uniti. È istruttrice e supervisore di percorsi mindfulness all’Istituto Beck di Roma e Caserta. È Executive Co-Director di Hakomi Mallorca e docente presso lo stesso istituto. Assieme ad Antonella Montano ha scritto Meditare con la Vita (Erickson, 2022), La Teoria Polivagale in pratica

Wired to connect: un programma teorico-esperienziale per gruppi (Erickson, 2023) e curato l’edizione italiana del volume di Susan Woods e Patricia Rockman MBSR. Il protocollo, le attività e le competenze, per insegnare il programma (F. Angeli, 2022). Pratica meditazione, yoga e TaiChi da più di 15 anni.

Sede del workshop

Il workshop si svolgerà in modalità FAD sincrona su piattaforma digitale Zoom.

Costi del workshop

Il costo del workshop è pari a € 90,00 Iva esclusa e comprende anche tutto il materiale didattico fornito. Al termine del workshop sarà rilasciato un attestato di partecipazione che verrà inviato via e-mail.

Per informazioni e iscrizione al workshop compilare il form sottostante:

L’amorevolezza come strumento di guarigione. Il contributo dell’Hakomi Mindful Psychotherapy al trattamento delle dipendenze
Si, acconsento a ricevere informazioni, promozioni e offerte esclusive e all'invio di materiale informativo e promozionale tramite email o posta

Categoria: Corsi di psicologia a Roma e Caserta

Docenti: Dott.ssa Valentina Iadeluca

Quando: Il 23/11/2024

Dove: Videoconferenza

Info: formazione@istitutobeck.com

Prezzo: 90 € (+ 22% IVA)

Se hai bisogno di aiuto o semplicemente vuoi contattare l’Istituto A.T. Beck per qualsiasi informazione,
compila il modulo nella pagina contatti.

Torna su
Cerca