skip to Main Content

Asse Intestino-Cervello e Depressione

Nonostante la depressione sia un disturbo associato a processi di tipo prevalentemente neurologico, il cervello non lavora da solo, ma è costantemente connesso con il sistema fisiologico globale dell’individuo. A supporto dell’esistenza di fattori fisiologici alla base della depressione, basti considerare alcuni dei sintomi più comuni del disturbo, come le difficoltà nel sonno e nella concentrazione, il forte aumento o la perdita di peso, l’agitazione o il rallentamento motorio, l’anedonia(incapacità di provare piacere in attività precedentemente gratificanti) e l’umore depresso. E’ evidente la presenza di alterazioni sia degli stati del corpo che della mente.

Tra i diversi fattori di tipo fisiologico che possono contribuire ai cambiamenti nelle funzioni cerebrali associati alla depressione vi è ‘l’asse intestino-cervello’ (Alper&Ceylan, 2015). In particolare, la depressione sembrerebbe associata ad alterazioni nella composizione del microbiota intestinale, che costituisce l’insieme dei micro-organismi (prevalentemente batteri) che si trovano nel nostro intestino. Il microbiota partecipa ad una miriade di funzioni differenti, dal sintetizzare i nutrienti e le vitamine all’aiutare la digestione del cibo che ingeriamo. I batteri “buoni” possono anche favorire l’armonia del corpo attenuando il livello di cortisolo e di adrenalina, i due ormoni associati allo stress, che possono danneggiare il corpo quando continuano ad essere elevati (Brogan, 2016). In caso di depressione, la ricchezza e la varietà del microbiota risultano notevolmente ridotte. Tali alterazioni influiscono sullo stato dell’umore attraverso il sistema immunitario, il sistema neuroendocrino e quello neurale, e soprattutto,in quest’ultimo caso, tramite il nervo vago e la modulazione di neurotrasmettitori come la serotonina, la noradrenalina e la dopamina. Non si tratta, però, di una comunicazione unidirezionale, ma di uno scambio reciproco tra cervello ed intestino: si influenzano a vicenda.

Cervello e depressione

(Immagine tratta e tradotta da https://factvsfitness.com/bloating-bad-mood/)

Avvio del processo: prima il cervello o prima l’intestino?

Uno dei più grandi quesiti, su cui attualmente la ricerca scientifica in questo settore sta indagando, riguarda la relazione causale tra le alterazioni del microbiota dell’intestino e le modificazioni cerebrali: sono i cambiamenti a livello cerebrale ad innescare il processo, o è vero il contrario, ovvero è il microbiota intestinale ad essere la miccia? Winter e colleghi, in un recentissimo articolo pubblicato su Reviews in the Neurosciences (2018),alla luce degli studi finora condotti,si focalizzano su due ipotesi:

  • IPOTESI A: gli stati depressivi preesistenti inducono modificazioni nella varietà del microbiotae, di conseguenza, peggiorano i sintomi della depressione;
  • IPOTESI B: riduzioni nella popolazione del microbiota precedono alterazioni nei livelli dei neurotrasmettitori a livello cerebrale, e quindi contribuiscono all’insorgenza della depressione.

Un dato certo è che c’è accordo, tra i ricercatori, sul fatto cheun aumento dello stress comporti un cambiamento significativo nel microbiota intestinale, come dimostrato, ad esempio, da studi in cui si è osservato che lo stress indotto in ratti causa una generale riduzione della ricchezza batterica. Tali evidenze empiriche, quindi, sono a supporto della prima ipotesi. Allo stesso tempo, altrettanto autorevoli studi mostrano come il microbiota dell’intestino sia in grado di influenzare la funzionalità cerebrale. Ad esempio, Kelly et al. (2016) e Zheng et al. (2016), in due studi differenti, arrivano a risultati analoghi trapiantando il microbiota fecale da modelli animali depressi a modelli animali sani: in seguito a tale operazione, in entrambi gli studi è stata osservata,negli animali precedentemente sani, la presenza di comportamenticomparabili a quelli tipici della depressione e dell’ansia.

Quindi, nello studio precedentemente citato, Winter e colleghi giungono alla conclusione che, visto l’attuale stato dell’arte della ricerca sull’asse intestino-cervello, entrambe le ipotesi possono essere considerate valide e accettabili, escludendo la possibilità di una terza posizione secondo cui vi sarebbe un’alterazione simultanea delmicrobiota e dell’umore. E’ possibile, invece, propongono gli autori, che i processi – A e B – vengano attivati in base a circostanze diverse. Nel caso dell’ipotesi A, alcuni eventi o stressor potrebbero provocare cambiamenti nell’umore e, di conseguenza, modificare il microbiota intestinale; nel caso dell’ipotesi B, alcune infezioni e problemi all’apparato digerente potrebbero provocare cambiamenti nel microbiota, che a loro volta contribuirebberoa far emergere i sintomi della depressione.

 

Il ruolo dell’alimentazione

E’ stato chiaramente dimostrato che le nostre abitudini alimentaripossono avere un effetto considerevole sulla composizione del microbiota intestinale (Maslowski&Mackay, 2010). Positivi cambiamenti nella dieta possono apportare significativi miglioramenti a livello microbico e ridurre l’incidenza di disturbi con base infiammatoria, tra cui anche la depressione (vedi anche: https://www.istitutobeck.com/depressione/telomeri-e-depressione).

Kelly Brogan, nel suo libro “A mind of yourown” (2016), individua alcuni cibi potenzialmente dannosi per il nostro microbiota intestinale, tra cui:

  • Glutine: proteina contenuta nel grano, spesso processata in cibi raffinati, contribuisce alla permeabilizzazione dell’intestino, rendendolo più vulnerabile, e interferisce con la scomposizione e l’assorbimento dei nutrienti;
  • Prodotti OGM: pesticidi ed erbicidi contenuti nei cibi geneticamente modificati interferiscono con la produzione di aminoacidi essenziali, come il triptofano, che contribuisce alla costituzione delle proteine e alla sintesi della serotonina, e promuovono la produzione del p-Cresolo, un composto organico che interferisce con il metabolismo di sostanze esterne, anche tossiche;
  • Dolcificanti artificiali: il corpo umano non possiede la capacità di digerire i dolcificanti artificiali, motivo per il quale questi non contengono calorie. Tuttavia, possono attraversare il nostro tratto intestinale e provocare sindromi metaboliche, come l’insulino-resistenza e il diabete;
  • Antibiotici: i loro effetti possono perdurare per mesi o provocare cambiamenti pervasivi nel microbiota umano, andando ad inficiare alcune funzioni essenziali come l’assunzione di nutrienti, la produzione di vitamine e la protezione da agenti patogeni.

 

Bibliografia

  • Alper, E. &Ceylan, M.E. (2015). The gut-brain axis: The missing link in Depression. ClinicalPsychopharmacologyand Neuroscience, 13(3), 239-244. http://dx.doi.org/10.9758/cpn.2015.13.3.239
  • Brogan, K. (2016). A mind of your own. The truth about Depression and how women can heal their bodies to reclaim their lives. London: Harper Thorsons.
  • Kelly, J.R. et al. (2016). Transferring the blues: Depression-associated gut microbiotainduces neuro-behavioural changes in the rat. Journal of Psychiatric Research, 82, 109–118.doi: 10.1016/j.jpsychires.2016.07.019
  • Maslowski, K.M. & Mackay, C.R. (2010). Diet, gut microbiota and immuneresponses. Nature Immunology, 12(1), 5-9. doi: 10.1038/ni0111-5.
  • Winter, G. et al. (2018). Gut microbiome and depression: What we knowand what we need to know. Reviews in the Neurosciences.https://doi.org/10.1515/revneuro-2017-0072
  • Zheng, P. et al. (2016). Gut microbiome remodeling induces depressive-like behaviors through a pathway mediated by the host’s metabolism. Molecular Psychiatry, 21, 786–796. doi: 10.1038/mp.2016.44

Depressione: Approfondimenti sul tema depressione

Rischio suicidio nella depressione

Rischio suicidio nella depressione, I pensieri ricorrenti di morte e di suicidio derivano dalla convinzione che, in ogni caso, non valga più la pena vivere.

Telomeri e depressione: cosa fare per attivare il rinnovamento cellulare

Nel corso degli ultimi decenni, le studiose americane Elizabeth Blackburn (PhD, premio Nobel per la Medicina nel 2009) ed Elissa…

Telomeri: cosa sono e che relazione c’è con la depressione

Perché le persone sembrano mostrare età differenti seppur coetanee? Come fanno alcune a mostrarsi dinamiche ed energiche a un’età avanzata,…

Cervello e depressione: come invertire la spirale

La depressione: una spirale che ci spinge verso il basso Lo psichiatra americano Alex Korb nel suo “The upward spiral”…

Depressione nelle donne

La depressione nelle donne Sia in medicina che in psicologia, uomini e donne si differenziano nella predisposizione a certe malattie.…

Lutto in gravidanza

Lutto in gravidanza “Il lavoro psicologico del lutto è ricordare più di quanto non serva per dire addio… Il lavoro…

Depressione post partum

Depressione post partum Si crede erroneamente che la maternità debba essere sempre un momento facile e naturale per la donna…

Disforia premestruale: caratteristiche, sintomi e trattamento

Disforia premestruale: caratteristiche, sintomi e trattamento La maggior parte delle donne in età fertile sperimenta sintomi come irritabilità e umore…

Distimia, cos’è la distimia, sintomi, cause e trattamento

Distimia, cos’è la distimia, cause e trattamento Che cos’è la distimia? La distimia è una forma lieve, ma cronica di depressione. I sintomi…

Asse Intestino-Cervello e Depressione

Nonostante la depressione sia un disturbo associato a processi di tipo prevalentemente neurologico, il cervello non lavora da solo, ma…

Depressione - News dell'Istituto A.T. Beck sulla depressione

Hai bisogno di aiuto?
Si, acconsento a ricevere informazioni, promozioni e offerte esclusive e all'invio di materiale informativo e promozionale tramite email o posta

Scarica i nostri opuscoli gratuiti
Opuscolo La depressione
Opuscolo La depressione
Opuscolo L’ansia e il disturbo da attacchi di panico
Opuscolo L’ansia e il disturbo da attacchi di panico
Back To Top