skip to Main Content

Cause della depressione

F. Kahlo, “Il cervo ferito” (1946) per cause della depressione
F. Kahlo, “Il cervo ferito” (1946)

Cause della depressione, quali sono?

La depressione è una patologia che deriva dalla combinazione di fattori che interagiscono tra loro e che varia da persona a persona. Questi fattori possono essere raggruppati in tre categorie principali: i fattori genetici, biologici e psicosociali. Si manifesta prevalentemente nelle persone di sesso femminile ed ha una forte componente ereditaria.

Fattori che, in combinazione, possono causare depressione:

  • Fattori genetici
    L’ipotesi genetica è stata da più parti sostenuta e numerosi studi provano come i familiari di primo grado di pazienti affetti da depressione maggiore hanno un maggiore rischio di sviluppare lo stesso disturbo; ovviamente è importante tenere presente che essere vulnerabili a un disturbo non vuol dire necessariamente svilupparlo.
  • Fattori biologici
    La maggior parte della comunicazione fra le cellule del sistema nervoso è opera di sostanze chimiche chiamate neurotrasmettitori. La depressione sarebbe dovuta all’insufficiente attività di alcuni sistemi di neurotrasmettitori (per esempio, quelli monoaminergici) e alla conseguente diversa funzionalità di specifiche aree cerebrali che regolano il sonno, l’appetito, il desiderio sessuale e l’umore. La depressione può essere collegata ad una ipersensibilità del Sistema Nervoso Centrale alle variazioni di estrogeni e progestinici, legate sia al ciclo mestruale che al parto. Sebbene la depressione sia stata generalmente spiegata con la teoria delle monoamine, è molto più multifattoriale. In questo contesto,Jeon e Kim (2018) hanno fornito una comprensione della neuroinfiammazione e della disfunzione neurovascolare nella depressione che consentirebbe un approccio più completo al disturbo. L’infiammazione è un carico allostatico (stato di attività fisiologica alterata) che coinvolge il sistema immunitario, endocrino e nervoso. La neuroinfiammazione è coinvolta nella fisiopatologia della depressione aumentando le citochine proinfiammatorie, attivando l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, aumentando la resistenza ai glucocorticoidi e influenzando la sintesi e il metabolismo della serotonina, l’apoptosi neuronale e la neurogenesi e la neuroplasticità. L’ipotesi della depressione vascolare è supportata dall’evidenza dell’associazione tra malattia vascolare e depressione a insorgenza tardiva e tra lesioni ischemiche cerebrali esintomi depressivi.
  • Fattori psicosociali
    Gli eventi stressanti favorenti lo sviluppo della depressione vengono vissuti dal soggetto come perdite irreversibili, irreparabili e totali.

Il contenuto dei pensieri associati alla depressione, come aveva già osservato lo stesso Beck, è tipicamente caratterizzato da una visione negativa dell’individuo stesso, del suo futuro e del mondo. I temi principali sono di fallimento, incapacità e mancanza di speranza. In un appunto, datato 11 gennaio 1965, Beck ha sottolineato la presenza di tre schemi cognitivi depressogeni i cui temi principali erano: la perdita (loss), la disperazione (hopeless) e l’autocritica (self-blame). Più tardi Beck chiamerà questi temi “aspettative negative su di sé, sul mondo e sul futuro”, concetti che diverranno noti come “triade cognitiva” della depressione. La depressione può essere causata da un singolo evento o da una serie di eventi stressanti che possono indurre un senso di sconforto, come ad esempio:

  • Malattie fisiche
  • Separazioni coniugali
  • Difficoltà nei rapporti familiari
  • Gravi conflitti e/o incomprensioni con altre persone
  • Cambiamenti importanti di ruolo, di casa, di lavoro,
  • Licenziamenti
  • Fallimenti lavorativi o economici
  • Essere vittime di un reato o di un abuso anche in età infantile
  • Perdita di una persona cara
  • Rottura di matrimonio o fidanzamento
  • Problemi con la giustizia
  • Bocciature a scuola

Anche la presenza di esperienze traumatiche infantili poi può generare una sofferenza emotiva che porterà a un umore depresso, con disperazione e senso di impotenza.

Scarica i nostri opuscoli gratuiti
Opuscolo La depressione
Opuscolo La depressione
Opuscolo L’ansia e il disturbo da attacchi di panico
Opuscolo L’ansia e il disturbo da attacchi di panico

Depressione: Approfondimenti sul tema depressione

Rischio suicidio nella depressione

Rischio suicidio nella depressione, I pensieri ricorrenti di morte e di suicidio derivano dalla convinzione che, in ogni caso, non valga più la pena vivere.

Telomeri e depressione: cosa fare per attivare il rinnovamento cellulare

Nel corso degli ultimi decenni, le studiose americane Elizabeth Blackburn (PhD, premio Nobel per la Medicina nel 2009) ed Elissa…

Telomeri: cosa sono e che relazione c’è con la depressione

Perché le persone sembrano mostrare età differenti seppur coetanee? Come fanno alcune a mostrarsi dinamiche ed energiche a un’età avanzata,…

Cervello e depressione: come invertire la spirale

La depressione: una spirale che ci spinge verso il basso Lo psichiatra americano Alex Korb nel suo “The upward spiral”…

Depressione nelle donne

La depressione nelle donne Sia in medicina che in psicologia, uomini e donne si differenziano nella predisposizione a certe malattie.…

Lutto in gravidanza

Lutto in gravidanza “Il lavoro psicologico del lutto è ricordare più di quanto non serva per dire addio… Il lavoro…

Depressione post partum

Depressione post partum Si crede erroneamente che la maternità debba essere sempre un momento facile e naturale per la donna…

Disforia premestruale: caratteristiche, sintomi e trattamento

Disforia premestruale: caratteristiche, sintomi e trattamento La maggior parte delle donne in età fertile sperimenta sintomi come irritabilità e umore…

Distimia, cos’è la distimia, sintomi, cause e trattamento

Distimia, cos’è la distimia, cause e trattamento Che cos’è la distimia? La distimia è una forma lieve, ma cronica di depressione. I sintomi…

Asse Intestino-Cervello e Depressione

Nonostante la depressione sia un disturbo associato a processi di tipo prevalentemente neurologico, il cervello non lavora da solo, ma…

Back To Top
Send this to a friend