Diagnostica del disturbo depressivo maggiore

Secondo il DSM-5 (APA, 2013) il disturbo depressivo maggiore è inserito nella categoria dei disturbi depressivi/unipolari, che non prevedono la presenza di episodi maniacali o ipomaniacali nella storia clinica del paziente.

Per fare diagnosi di disturbo depressivo maggiore devono essere soddisfatti i seguenti criteri:

  1. Cinque o più dei seguenti sintomi sono stati contemporaneamente presenti durante un periodo di 2 settimane; almeno uno dei sintomi è 1) umore depresso o 2) perdita di interesse o piacere. Non bisogna tener conto di sintomi chiaramente attribuibili ad un’altra condizione medica. Con la presenza dei seguenti sintomi:
    1. Umore depresso per la maggior parte del giorno, quasi tutti giorni, come riportato dall’individuo o come osservato da altri.
    2. Marcata diminuzione di interesse o piacere per tutte, o quasi tutte, le attività per la maggior parte del giorno, quasi tutti i giorni.
    3. Significativa perdita di peso, non dovuta a dieta, o aumento di peso, oppure diminuzione o aumento dell’appetito quasi tutti i giorni.
    4. Insonnia o ipersonnia quasi tutti i giorni.
    5. Agitazione o rallentamento psicomotori quasi tutti i giorni.
    6. Faticabilità o mancanza di energia quasi tutti i giorni.
    7. Sentimenti di autosvalutazione o di colpa eccessivi o inappropriati, quasi tutti i giorni.
    8. Ridotta capacità di pensare o di concentrarsi, o indecisione, quasi tutti i giorni.
    9. Pensieri ricorrenti di morte (non solo paura di morire), ricorrente ideazione suicidaria senza un piano specifico o un tentativo di suicidio o un piano specifico per commettere suicidio.
  2. I sintomi causano disagio clinicamente significativo o compromissione del funzionamento in ambito sociale, lavorativo o in altre aree importanti.
  3. L’episodio non è attribuibile agli effetti fisiologici di una sostanza o a un’altra condizione medica.
  4. Il verificarsi dell’episodio depressivo maggiore non è meglio specificato dal disturbo schizoaffettivo, dalla schizofrenia, dal disturbo schizofreniforme, dal disturbo delirante o dal disturbo dello spettro della schizofrenia e altri disturbi psicotici con altra specificazione o senza specificazione.
  5. Non vi è mai stato un episodio maniacale o ipomanicale.

A completamento della diagnosi del disturbo depressivo maggiore, sono stati inseriti una serie di specificatori:

  • Specificatori di gravità e decorso
    • Lieve, moderato, grave, con sintomi psicotici, in remissione parziale, in remissione completa, non specificato.
  • Altri specificatori
    • ansia
    • caratteristiche
      • miste
      • melancoliche
      • atipiche
      • psicotiche congruenti all’umore
      • psicotiche non congruenti all’umore
    • catatonia
    • esordio nel peripartum
    • andamento stagionale (APA, 2013, 185-187).

I sintomi sopra elencati, quindi, devono essere presenti quasi tutti i giorni, fatta accezione per l’ideazione suicidaria e la modificazione del peso corporeo. L’umore depresso deve caratterizzare quasi totalmente la vita del paziente; inoltre, l’insonnia o la faticabilità sono due campanelli d’allarme per quanto riguarda l’esordio di un quadro depressivo. Purtroppo, a causa del mancato riconoscimento di tutti gli altri sintomi che corredano il disturbo depressivo, la diagnosi viene spesso sottostimata (APA, 2013).

Per favore descrivi il motivo del contatto. Più informazioni abbiamo a disposizione meglio sappiamo valutare la richiesta e darti la risposta corretta al tuo quesito. Grazie mille
Back To Top
Cerca