Disturbo Evitante di Personalità (Cluster C)

Disturbo Evitante di Personalità (Cluster C)

Il Disturbo Evitante di Personalità: che cosa è e quanto è diffuso?

Il disturbo evitante di personalità si manifesta attraverso una profonda sensazione di inadeguatezza e una notevole sensibilità alle critiche negative, portando a un modello diffuso di evitamento sociale. Le persone con questo disturbo temono il ridicolo, il rifiuto e la critica da parte degli altri, il che le porta ad evitare situazioni sociali che richiedono interazioni con gli altri, limitando così lo sviluppo normale delle loro abilità sociali nel tempo.

Solitamente, coloro che soffrono di disturbo evitante di personalità vivono in isolamento, osservando il mondo esterno come spettatori desiderosi di partecipare ma percependolo come troppo complicato e intimidatorio. Spesso provano vergogna nei confronti di sé stessi, credendo di non essere abbastanza bravi, di essere soggetti a rifiuto o ferite, di non essere graditi agli altri e di essere socialmente inadeguati.

Questi pensieri conducono a elevati stati di ansia nelle situazioni sociali, nel lavoro e nelle amicizie e a evitare accuratamente le relazioni intime, nelle quali ci si aspetta di venire “scoperti” come persone indegne, quindi respinte e abbandonate. La condizione preminente è di “disagio e ansia sociale” che porta a svolgere una vita routinaria, al riparo dai potenziali rischi costituiti dalla novità.

Per poter vivere sensazioni positive e gratificanti, anche se momentanee, le persone con disturbo evitante coltivano interessi e attività solitarie (es. musica, lettura, chat). Il ritiro sociale conferma il loro personale senso di inadeguatezza, in una spirale apparentemente senza fine.

La parola chiave con cui descrivere questo disturbo di personalità è “ipersensibilità”.

Il disturbo evitante di personalità sembra essere ugualmente frequente nei maschi e

nelle femmine. La sua diffusione nella popolazione generale è tra lo 0,5% e l’1,0%.

Caratteristiche psicologiche del Disturbo Evitante di Personalità

È utile analizzare le caratteristiche psicologiche degli individui con disturbo evitante di personalità in termini di visione di se stessi e degli altri, credenze intermedie e profonde, minacce percepite, strategie di coping (affrontamento) ed emozioni principali:

  • Visione di se stessi: si considerano socialmente incompetenti e inetti in contesti scolastici o lavorativi
  • Visione degli altri: vedono gli altri come giudicanti e richiedenti
  • Credenze intermedie e profonde: “se questa persona mi tratta così male, allora devo essere una cattiva persona”, “se a mia madre o mio padre non piaccio, come posso piacere agli altri?”, “dal momento che non ho amici, devo essere davvero diverso e difettato”, “non posso tollerare le emozioni sgradevoli”, “non vado bene”, “non valgo nulla”, “non sono amabile”
  • Minacce percepite: “gli altri scopriranno che sono un fallimento”, la paura di essere sminuiti, squalificati, rifiutati
  • Strategie di coping: evitare le situazioni in cui si può essere valutati. Pertanto, preferiscono restare ai margini dei gruppi sociali e evitare di essere al centro dell’attenzione. Sul fronte lavorativo, mostrano una propensione a evitare nuove responsabilità o promozioni, temendo di non farcela e di essere criticati dagli altri.
  • Emozioni principali: l’emozione principale è la disforia, una combinazione di ansia e tristezza, correlata alla difficoltà a ricavare piacere dalle relazioni intime e senso di padronanza dai compiti svolti. Provano ansia, correlata al timore di uscire anche di poco allo scoperto nelle relazioni sociali o lavorative

Sintomi della personalità evitante: come capire se una persona soffre di Disturbo Evitante di Personalità

Il disturbo evitante di personalità si manifesta tipicamente nella prima età adulta e include i seguenti sintomi:

  • Evitare di farsi coinvolgere in attività che comportano un significativo contatto interpersonale a causa della paura di essere criticati, ricevere disapprovazione o rifiuto
  • Indisponibilità a interagire con gli altri a meno che non si è certi di piacere
  • Mostrarsi frenati nelle relazioni sociali a causa della vergogna e della paura di essere ridicolizzati
  • Preoccupazione eccessiva di essere criticati o rifiutati nelle situazioni sociali
  • Inibizione nelle nuove situazioni sociali a causa del sentimento di inadeguatezza
  • Tendenza a valutarsi inadeguati socialmente, inetti, poco attraenti o inferiori agli altri
  • Tendenza a essere riluttanti ad assumere rischi personali o a impegnarsi in nuove attività perché potrebbe rivelarsi imbarazzante

Quali sono le cause del Disturbo Evitante di Personalità?

Le cause del disturbo evitante di personalità non sono del tutto chiare, sebbene si ritenga che al suo esordio partecipino fattori di ordine genetico, psicologico (temperamento della persona) e sociale (ambiente nel quale la persona è cresciuta). Da numerose ricerche è emerso che storie di abuso fisico e psicologico, rifiuto ed emarginazione dal gruppo dei pari possano anch’esse condurre a un eccessivo desiderio di accettazione e difficoltà a ricevere eventuali critiche.

Conseguenze del Disturbo Evitante di Personalità

Le persone con disturbo evitante di personalità, a causa degli alti livelli di ansia sociale e della percezione d’inadeguatezza, tendono a evitare ogni situazione nella quale, secondo loro, possono essere criticati, ridicolizzati o rifiutati.

Di solito sono percepiti come molto timidi e distanzianti, rigidi o limitati e, di conseguenza, l’isolamento sociale delle persone con disturbo evitante di personalità potrebbe essere quasi totale con contatti limitati a pochi familiari. Questo tipo di disturbo compromette, infine, anche il funzionamento lavorativo sia per quanto concerne la possibilità di trovare lavoro che di avanzamento della carriera.

Cura del Disturbo Evitante di Personalità

Il ritiro sociale, tipico del disturbo evitante di personalità, sebbene protegga nel breve tempo dall’ansia di esporsi e dal malessere generato dal percepirsi inferiori e inadeguati, nel lungo termine conduce a una esistenza priva di stimoli, triste, permeata da un senso di vuoto.

L’umore depresso o le crisi di panico sono le motivazioni che possono spingere il soggetto a richiedere un intervento psicologico. L’abbassamento del tono umorale può diventare molto serio e sfociare, addirittura, in idee suicidarie. Per affrontare il malessere legato alla depressione, a volte i pazienti evitanti possono abusare di sostanze (alcool, droghe, psicofarmaci ecc…).

Tra i trattamenti di comprovata efficacia per la cura del disturbo evitante di personalità è possibile citare la Terapia cognitivo comportamentale e la Terapia metacognitiva interpersonale

La Terapia cognitivo comportamentale

Il trattamento cognitivo comportamentale per il disturbo evitante di personalità lavora sull’analisi dei pensieri automatici disfunzionali, distorti e imprecisi, che sono alla base del disturbo. Una volta identificati e condivisi con il paziente, tali pensieri sono messi in discussione mediante confutazione e sostituiti con nuovi pensieri più funzionali, attraverso la ristrutturazione cognitiva.

Supponiamo che il paziente creda fortemente, ad esempio, di essere inferiore agli altri e che questi vorrebbero che andasse via dall’azienda presso la quale lavora. Il terapeuta mette in discussione la validità dei pensieri, chiedendogli il nome delle persone che hanno piacere a trascorrere del tempo con lui o altre esperienze in cui si è divertito con loro. In questo modo, il terapeuta dimostra che esistono persone da cui è apprezzato, con le quali si diverte e che, in generale, le sue paure e insicurezze nelle situazioni sociali sono irrazionali e infondate.

Vengono inoltre mostrati al paziente i cicli interpersonali: le credenze personali riguardo se stessi influenzano anche la percezione che gli altri hanno di noi, determinando reazioni che alla fine non fanno altro che confermare la convinzione di base. L’obiettivo è quello di indicare al paziente eventuali strategie per affrontare le situazioni temute mediante tecniche comportamentali. L’analisi dei cicli interpersonali permette anche di migliorare la relazione terapeutica stessa, fondamentale per la prosecuzione e per il successo della terapia.

Terapia metacognitiva interpersonale

Un altro approccio terapeutico per la cura del disturbo evitante di personalità è la terapia metacognitiva interpersonale che, attraverso la narrazione della propria autobiografia, tenta di sollecitare le capacità del paziente di:

  • Differenziare tra immaginazione e realtà, in particolare nel considerare le rappresentazioni negative di sé con l’altro come ipotetiche e non specchio di una realtà oggettiva
  • Evocare rappresentazioni alternative che il paziente possiede, ma che sono mascherate dagli stati mentali problematici dominanti
  • Promuovere nuovi comportamenti in sostituzione di quelli abituali
  • Formare una rappresentazione integrata di sé che tenga conto delle contraddizioni psicologiche e degli errori di ragionamento del paziente, quali il notare sistematicamente intenzioni ostili nell’altro oppure strategie del tipo “se evito, di sicuro non subisco il giudizio negativo”
  • Leggere con maggiore sensibilità le intenzioni degli altri
  • Distinguere i segnali di ostilità attesi da quelli effettivi e decentrare, ovvero assumere il punto di vista dell’altro non influenzato dalle proprie aspettative negative

Trattamento Farmacologico

Varie classi di psicofarmaci, come gli antidepressivi di tipo triciclico, gli inibitori delle Mono-Amino-Ossidasi, gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina e gli inibitori duali di serotonina e noradrenalina, possono essere utili nel ridurre la sensibilità individuale al timore del rifiuto, della critica e ai sentimenti di imbarazzo e vergogna. Le benzodiazepine sono indicate per il trattamento di stati ansiosi o di panico, nervosismo e tensione causati dal dover far fronte a situazioni sociali solitamente evitate. I β-bloccanti si sono rilevati efficaci per gestire l’iperattività del Sistema Nervoso Autonomo (sudorazione, tremori, arrossamenti, ecc.) che si manifestano quando si affrontano situazioni temute.

Riferimenti bibliografici

Beck, A.T., Davis, D.D., Freeman, A. (2015). Cognitive Therapy of Personality Disorders. 3rd edition. The Guilford Press. Edizione italiana a cura di Sarracino, D., Caselli, C., Ruggiero G.M., Sassaroli, S. (2021). “Terapia cognitiva dei disturbi di personalità”. Raffaello Cortina Editore

Autore/i

Dott.ssa Antonella Montano

Dott.ssa Antonella Montano

Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Fondatrice e Direttrice dell’Istituto A.T. Beck per la terapia cognitivo-comportamentale di Roma e Caserta. Certified Trainer/Consultant/Speaker/Supervisor dell’ACT (Academy of Cognitive Therapy). Membro del Beck Institute International Advisory Committee di Philadelphia. È Fondatrice e Presidente della Onlus Il Vaso di Pandora. La Speranza dopo il Trauma (www.ilvasodipandora.org). Socio Fondatore e Vice Presidente di CBT-Italia. Insegna da anni protocolli Mindfulness Based (MBSR, MBCT, Mindful eating, ecc.) È Mindfulness Yoga Teacher ed Expert Yoga Trauma Teacher certificata CSEN e Yoga Alliance®. È autrice di numerosi libri, capitoli di libri e pubblicazioni.

Vedi il CV completo

Dott.ssa Roberta Borzì

Dott.ssa Roberta Borzì

Psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Vanta esperienza clinica in ambito adulto, e si occupa prevalentemente di tutti i disturbi d’ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, problematiche sessuali, disturbi di personalità con la Schema Therapy, in cui è formata attraverso training specifici e supervisione con esperti del settore. Ha anche conseguito entrambi i livelli della formazione in EMDR. Socio AIAMC (Associazione Italiana di analisi e modificazione del comportamento e Terapia Comportamentale e Cognitiva.) e membro ISST (International Society of Schema Therapy).

Vedi il CV completo

Se hai bisogno di aiuto o semplicemente vuoi contattare l’Istituto A.T. Beck per qualsiasi informazione,
compila il modulo nella pagina contatti.

Torna su
Cerca