Disturbi psicotici

Disturbi psicotici

Cos’è un disturbo psicotico

Il disturbo psicotico è una condizione che rende difficile pensare in modo lucido, formulare giudizi sensati, rispondere in maniera emotivamente congrua, comunicare in modo efficace, comprendere la realtà e comportarsi in maniera appropriata.

I due sintomi principali sono i deliri e le allucinazioni. I deliri sono false convinzioni, come credere che qualcuno stia tramando alle nostre spalle o che la TV ci stia mandando messaggi in codice. Le allucinazioni sono false percezioni, come ascoltare, vedere o sentire qualcosa che non esiste.

Quando i sintomi sono gravi, gli individui con un disturbo psicotico hanno problemi a entrare in contatto con la realtà e spesso sono incapaci di portare avanti la vita quotidiana. Anche le forme più severe, comunque, possono essere trattate con successo.

I principali disturbi psicotici sono classificati in:

  • Schizofrenia
  • Disturbo delirante
  • Disturbo schizofreniforme
  • Disturbo schizoaffettivo
  • Disturbo psicotico breve

Sintomi

I sintomi riscontrabili nei disturbi psicotici sono i seguenti:

  • Eloquio disorganizzato e incoerente
  • Pensiero confuso
  • Comportamento bizzarro o pericoloso
  • Movimenti rallentati o insoliti
  • Perdita di interesse nell’igiene personale
  • Perdita di interesse nelle attività
  • Problemi scolastici, lavorativi e relazionali

I sintomi prodromici precedono l’insorgenza del disturbo psicotico vero e proprio, e sono caratterizzati da alterazioni dal punto di vista cognitivo, emotivo e comportamentale. La fase prodromica risulta essere caratterizzata da un progressivo ritiro sociale e dalla comparsa di sintomi quali apatia e abulia. A ciò consegue un deterioramento delle normali funzioni del soggetto, ad esempio si può riscontrare un peggioramento dei risultati scolastici o lavorativi.

Cause

Risulta tuttora difficile stabilire se ci sia una causa univoca per l’insorgenza dei disturbi psicotici. Si tratta, infatti, di disturbi multifattoriali dove fattori genetici e ambientali si trovano ad interagire tra di loro e a creare in alcune persone una vulnerabilità a sviluppare un disturbo psicotico. Particolare attenzione va posta all’utilizzo di sostanze che, negli ultimi tempi, si sono diffuse tra i più giovani e che, unite a una predisposizione genetica, possono causare dei disturbi psicotici che necessitano di essere trattati adeguatamente.

Disturbi psicotici indotti e correlati all’uso di sostanze

Degno di nota è il dilagare dei disturbi psicotici come conseguenza dell’abuso di alcool o dell’uso di sostanze psicotrope. Lo sviluppo e il decorso del disturbo variano in base alla sostanza assunta. L’uso di cannabis è considerato un fattore di rischio consolidato per l’insorgenza di un disturbo psicotico, caratterizzato da una sintomatologia che presenta deliri di persecuzione, marcata quota di ansia, presenza di labilità umorale e possibili episodi di depersonalizzazione. Anche l’uso di alcool è risultato essere correlato con l’insorgenza di un primo episodio psicotico, così come le metanfetamine e la ketamina.

Tra le varie sostanze scatenanti troviamo:

  • Cocaina
  • Anfetamine
  • Metanfetamine
  • Mefedrone
  • Ecstasy
  • Cannabis
  • LSD
  • Funghetti magici
  • Ketamina
  • Alcool

In caso di disturbo psicotico indotto da sostanze, è necessario rivolgersi nell’immediato a uno specialista, in modo tale da agire tempestivamente sulla sintomatologia presentata.

Come primo passo è fondamentale interrompere l’uso della sostanza e poi procedere con l’impostare una terapia farmacologica adeguata, allo scopo di far regredire i sintomi psicotici.

Sarebbe utile poi, in un secondo momento, intraprendere un percorso di Terapia cognitivo-comportamentale.

Gli obiettivi del trattamento prevedono l’analisi delle motivazioni che spingono la persona ad abusare della sostanza e l’insegnamento di strategie e strumenti utili alla gestione delle emozioni e alla modifica dei comportamenti disfunzionali.

Trattamento

In questi disturbi è fondamentale un trattamento integrato, per una migliore gestione dei sintomi presentati dal paziente.

Farmacoterapia

I farmaci principalmente utilizzati per il trattamento dei disturbi psicotici sono chiamati appunto antipsicotici, e agiscono rimodulando l’attività del neurotrasmettitore dopamina per ripristinare un corretto funzionamento biochimico del sistema nervoso centrale.

Questa classe include farmaci di prima e di seconda generazione. Sia il dosaggio sia la durata del trattamento farmacologico sono soggettivi e variano in base al tipo di patologia e ai sintomi presenti. Grazie all’assunzione di terapia farmacologica, si ottiene una gestione dei sintomi e una stabilizzazione del quadro clinico.

Psicoterapia

La Terapia cognitivo-comportamentale per i disturbi psicotici è stata inizialmente sviluppata come trattamento individuale e dopo come intervento di gruppo per ridurre la sofferenza associata ai sintomi psicotici e migliorare il funzionamento di chi ne è affetto.

L’evidenza scientifica dimostra che la Terapia cognitivo-comportamentale per i disturbi psicotici è anche efficace nella prevenzione o nel ritardo della transizione a una psicosi piena, in individui a rischio di svilupparla.

L’intervento TCC prevede i seguenti passi:

  • Psicoeducazione e individuazione dei sintomi prodromici che precedono i disturbi psicotici
  • Migliorare la consapevolezza del disturbo e l’aderenza al trattamento farmacologico, riducendo anche i fattori di stress
  • Abilità di coping per gestire le voci, esaminare le evidenze delle convinzioni insolite e angoscianti
  • Aumentare i livelli di funzionamento, anche attraverso il training sulle abilità sociali, per affrontare i sintomi negativi
  • Reinserimento nella società
  • Prevenzione delle ricadute

Va sottolineata l’importanza di un efficace intervento psicoeducativo che coinvolga il caregiver del paziente e, quando possibile, l’intero nucleo familiare. Può risultare utile, a tal proposito, uno spazio in cui possano essere chiariti dei dubbi e ci si possa confrontare su come relazionarsi a questi pazienti e come gestire eventuali momenti di crisi. Questa possibilità di comprensione e confronto può essere utile per affrontare i timori e le preoccupazioni che derivano da una mancata o inadeguata conoscenza del disturbo.

È importante, infine, individuare i segnali che precedono una ricaduta e ripercorrere le strategie utili nel trattamento. Le cause di eventuali ricadute possono essere diverse: una scarsa compliance nei confronti del trattamento farmacologico, una ridotta consapevolezza di malattia, l’assunzione di sostanze e la presenza di fonti di stress nella vita quotidiana.

Infine, l’ultimo approccio terapeutico di stampo cognitivo-comportamentale è la CT-R (Recovery-Oriented Cognitive Therapy – Beck et al., 2021) che aiuta gli individui a transitare dal ruolo di “paziente” a uno stato adattivo che consenta di vivere e fare passi decisivi verso il raggiungimento dei loro valori personali.

Nella CT-R (Recovery-Oriented Cognitive Therapy), la guarigione viene definita in modo ampio, intendendo la connessione, o meglio riconnessione, con gli altri e con i valori che contraddistinguono la vita che i pazienti vogliono vivere. Secondo la CT-R ci sono alcune esigenze umane fondamentali che sottostanno alle speranze e aspirazioni individuali e che portano al benessere e all’espressione di un’ottimale connessione con il proprio sé. Queste esigenze alimentano la fiducia, la speranza, la progettualità e l’emporwement del paziente.

Riferimenti bibliografici

  • American Psychiatric Association (2013). Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders: DSM-5. American Psychiatric Association, Washington, DC.
  • Barajas, A., Pelaez, T., Gonzalez, O., Usall, J., Iniesta, R., Arteaga, M., Jackson, C., Banos, I., Sanchez, B., Dolz, M., Obiols, J.E., Haro, J.M., GENIPE group, Ochoa, S. (2019). Predictive capacity of prodromal symptoms in first-episode psychosis of recent onset. Early Interv Psychiatry: 13(3): 414-424.
  • Beck, A.T., Grant, P., Inverso, E., Brinen, A.P., Perivoliotis, D. (2021). Recovery-Oriented Cognitive Therapy for Serious Mental Health Conditions. Guilford Press: New York.
  • Brunette, M.F., Mueser, K.T., Babbin, S., Meyer-Kalos, P., Rosenheck, R., Correll, C., Cather, C., Robinson, D.G., Scholer, N.R., Penn, D.L., Addington, J., Estroff, S.E., Gottlieb, J., Glynn, S.M., Marcy, P., Robinson, J., Kane, J.M. (2018). Demographic and clinical correlates of substance use disorders in first episode psychosis. Schizophr Res: 194: 4-12.
  • Dong, H., Yang, C., Shen, Y., Liu, L., Liu, M.,Hao, W. (2019). Effects of ketamine use on psychotic disorders and symptoms in male, methamphetamine-dependent subjects. Am J Drug Alcohol Abuse: 45(3): 276-284.
  • Ortiz-Medina, M.B., Perea, M., Torales, J., Ventriglio, A., Vitrani, G., Aguilar, L., Roncero, C. (2018). Cannabis consumption and psychosis or schizophrenia development. Int. J Soc Psychiatry: 64(7): 690-704.
  • Rentero, D., Arias, F., Sanchez-Romero, S., Rubio, G., Rodriguez_Jimenez, R. (2021). Cannabis-induced psychosis: clinical characteristics and its differentiation from schizophrenia with and without cannabis use. Adicciones: 31: 33(2): 95-108.
  • Yang, M., Yang, C., Liu, T., London, E.D. (2020). Methamphetamine-associated psychosis: links to drug use characteristics and similarity to primary psychosis. Int J Psychiatry Clin Pract: 24(1): 31-37.

Se hai bisogno di aiuto o semplicemente vuoi contattare l’Istituto A.T. Beck per qualsiasi informazione,
compila il modulo nella pagina contatti.

Torna su
Cerca