La dipendenza da droghe (cocaina, eroina, cannabis, allucinogeni, anfetamine, metanfetamine)

La dipendenza da droghe (cocaina, eroina, cannabis, allucinogeni, anfetamine, metanfetamine)

Cos’è la dipendenza da droghe (tossicodipendenza)

Quando si parla di dipendenza da droghe, o tossicodipendenza, ci si riferisce generalmente all’abuso di sostanze illegali, come marijuana, eroina, cocaina, allucinogeni o metanfetamine, ecc.

In realtà la dipendenza riguarda anche l’abuso di sostanze legali, come alcol (Alcolismo), nicotina (Tabagismo) o medicinali soggetti a prescrizione. L’alcol è la droga d’abuso legale più comune.

Le dipendenze non sono problemi di forza di volontà o moralità. La dipendenza è una malattia potente e complessa. Le persone che hanno una dipendenza dalle sostanze non possono semplicemente smettere, anche se lo desiderano: le sostanze provocano delle modificazioni al livello cerebrale e psico-fisico che rendono molto difficile smettere.

Di seguito verrà fornita una breve descrizione delle sostanze illegali più utilizzate:

Allucinogeni

Con il termine Allucinogeni si intende un gruppo eterogeneo di specifiche droghe naturali, conosciute fin dall’antichità, e altre moderne sintetiche.

Sono divisi in due categorie: gli allucinogeni classici e le droghe dissociative.

  • Gli allucinogeni classici, in genere, producono allucinazioni visive e uditive, provocando un senso del tempo alterato ed intense esperienze sensoriali. Gli effetti dell’uso di un allucinogeno iniziano nell’arco di poco meno o poco più di un’ora e possono durare per più di dodici di ore.
  • Le droghe dissociative possono portare chi le usa a sperimentare perdita di controllo e senso di disconnessione dal proprio corpo o dall’ambiente in cui si trovano.

C’è una sostanziale differenziazione neurologica e chimica tra gli allucinogeni classici e gli allucinogeni dissociativi. Gli allucinogeni classici colpiscono il cervello umano interrompendo temporaneamente la comunicazione tra i sistemi chimici sinaptici.  Alcuni allucinogeni interferiscono con l’azione della serotonina che regola l’umore, la percezione sensoriale, il sonno, la fame, la temperatura corporea, il comportamento sessuale e il controllo dei muscoli intestinali. Le droghe dissociative interferiscono con l’azione del glutammato che regola la percezione del dolore, le risposte all’ambiente, le emozioni, l’apprendimento e la memoria.

Gli allucinogeni classici più comuni sono:

  • LSD (Lysergic Acid Dietilammide) è una delle sostanze chimiche più potenti utilizzata per alterare gli stati mentali e di coscienza. Si presenta come un materiale inodore trasparente o bianco a base di acido lisergico, che si trova in un fungo che cresce nella segale e altri cereali.
  • Il peyote (mescalina) è un piccolo cactus senza spine (Lophophora Williamsii) noto da secoli ai nativi messicani e sudamericani, utilizzato nei rituali religiosi e di guarigione fisica e mentale.
  • La psilocibina (4-fosforilossi-N, N-dimetiltriptamina) viene estratta da alcuni tipi di funghi che si trovano nelle regioni tropicali e subtropicali del Sud America, del Messico e degli Stati Uniti. La psilocibina può essere essiccata o fresca e consumata cruda, mescolata con il cibo o preparata in un tè e produce effetti simili all’LSD.
  • La DMT (Dimetiltriptamina) è una potente sostanza chimica allucinogena che si trova naturalmente in alcune specie vegetali amazzoniche (vedi “Ayahuasca”) e anche sintetizzata in laboratorio. Il DMT sintetico di solito assume la forma di una polvere cristallina bianca ed è tipicamente vaporizzato o fumato in una pipa.
  • L’Ayahuasca è un infuso allucinogeno ottenuto da una delle numerose piante amazzoniche contenente DMT (l’ingrediente psicoattivo principale) insieme a una vite contenente un alcaloide naturale che impedisce la normale rottura del DMT nel tratto digestivo.

I sintomi più comuni sono:

  • Allucinazioni
  • Percezione della realtà notevolmente ridotta, ad esempio, interpretando l’input di uno dei sensi come un altro, come l’udito dei colori
  • Comportamento impulsivo
  • Rapidi cambiamenti nelle emozioni
  • Cambiamenti mentali permanenti nella percezione
  • Battito cardiaco accelerato e pressione alta
  • Tremori
  • Flashback, una rivisitazione delle allucinazioni, anche anni dopo

Le droghe dissociative più comuni sono:

  • La PCP (fenciclidina) è stata sviluppata negli anni ’50 come anestetico generale per la chirurgia, ma non viene più utilizzato per questo scopo a causa della durata e dell’intensità dei suoi gravi effetti collaterali. La PCP può essere trovata in varie forme, come ad esempio compresse o capsule. Tuttavia, la polvere di cristalli liquidi e bianchi è la forma più comune ed utilizzata.
  • La Ketamina (Chetamina) è in alcuni ambienti, usata come anestetico chirurgico per l’uomo e gli animali, con degli effetti collaterali più lievi rispetto alla PCP. Viene venduta principalmente in polvere o in compresse, ma è anche disponibile come liquido iniettabile. La ketamina viene sniffata o talvolta aggiunta alle bevande come droga “da stupro”.
  • MDMA (Ecstasy o Molly) è una droga sintetica che altera la percezione e l’umore del soggetto consumatore.
  • La Salvia (Salvia divinorum) è una pianta comune nel sud del Messico e centro-sud America utilizzata dagli sciamani messicani nei rituali religiosi e curativi. La pianta contiene composti simili agli oppioidi. La salvia viene in genere ingerita masticando foglie fresche o bevendone degli estratti. Le foglie essiccate di salvia possono anche essere affumicate, vaporizzate e poi inalate.

I sintomi più comuni sono:

  • Sentirsi separati dal proprio corpo e dall’ambiente circostante
  • Allucinazioni
  • Problemi di coordinazione e movimento
  • Comportamento aggressivo, a tratti violento
  • Movimenti oculari involontari
  • Mancanza di sensazione di dolore
  • Aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca
  • Problemi con il pensiero e la memoria
  • Problemi a parlare
  • Giudizio alterato
  • Intolleranza ai rumori forti
  • A volte convulsioni o coma

Cannabis

Con questo termine ci riferiamo in modo particolare alla “cannabis indica” che contiene la sostanza allucinogena noto come “delta-9-tetraidrocannabinolo” (THC), il principale ingrediente allucinogeno che dà lo “sballo” desiderato ai consumatori. L’altro tipo di pianta ampiamente noto è la “cannabis sativa”, popolarmente chiamata “canapa”. La cannabis è conosciuta con una moltitudine di nomi, tra i quali marijuana, hashish, pot, ganja e skunk.

Secondo il rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine del 2021, la cannabis è di gran lunga, a livello globale, la droga illecita più coltivata, trafficata e abusata in tutti i continenti. Il consumo di cannabis ha visto un aumento del 60% nell’ultimo decennio, su scala globale e si stima che circa 200 milioni di persone consumino regolarmente cannabis mentre l’Europa, sembra essere il continente con il più alto numero di consumatori tra gli adolescenti.

Segni e sintomi di uso recente possono includere:

  • Un senso di euforia o sensazione di “sballo”
  • Un elevato senso di percezione visiva, uditiva e gustativa
  • Voglie esagerate per certi cibi in momenti insoliti
  • Aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca
  • Occhi rossi
  • Bocca asciutta
  • Diminuzione del coordinamento
  • Difficoltà di concentrazione o di memoria
  • Tempo di reazione rallentato
  • Ansia o pensiero paranoico

L’uso a lungo termine (cronico) è spesso associato a:

  • Diminuzione dell’acutezza mentale
  • Scarso rendimento a scuola o al lavoro
  • Numero ridotto di amici e interessi

Cannabinoidi sintetici

Il tetraidrocannabinolo è l’ingrediente attivo primario nella marijuana (cannabis). Ci sono molte famiglie chimiche di cannabinoidi sintetici, tra cui HU-210, JWH-073, JWH-018, JWH-200, AM-2201, UR-144, e XLR-11.

Gli effetti variano notevolmente a seconda dello specifico cannabinoide, e molti degli effetti acuti e cronici rimangono sconosciuti.

Tuttavia, la stimolazione del recettore tetraidrocannabinolo provoca l’alterazione dello stato mentale con agitazione, allucinazioni e psicosi (che può essere irreversibile). Gli effetti cardiovascolari comprendono ipertensione, tachicardia e infarto miocardico. Gli effetti neurologici comprendono convulsioni e offuscamento della vista. Gli altri effetti riportati comprendono vomito, ipertermia, rabdomiolisi e insufficienza renale

Oppiacei (Oppioidi)

Con questo termine si intendono sia i prodotti naturali e semisintetici di origine oppiacea sia le altre droghe sintetiche derivanti dall’oppio.

Tra gli oppiacei utilizzati per scopi terapeutici indichiamo, tra i più comuni, la Morfina, commercializzata per la prima volta nel 1827 e utilizzata inizialmente nella cura del dolore acuto e cronico, e la Codeina chiamata anche “metilmorfina”, scoperta nel 1832. Quest’ultima originariamente utilizzata come blando analgesico antidolorifico e sedativo della tosse. Continua ad essere utilizzato in molti sciroppi per la tosse.

Eroina

Nel 1898 l’azienda farmaceutica Bayer creò un altro derivato dell’oppio: l’Eroina. Durante i primi anni di commercializzazione dell’eroina come nuova droga, la Bayer affermò di aver scoperto non solo una sostanza migliore e molto più potente della classica morfina, ma anche una sostanza rivoluzionaria che, se somministrata correttamente da medici e specialisti, avrebbe potuto liberare i consumatori dalla loro “schiavitù” alla morfina. È noto invece, che l’eroina divenne una minaccia per il mondo intero e la sua produzione ufficiale da parte della Bayer cessò intorno al 1913 quando furono scoperte le caratteristiche di dipendenza più gravi della sostanza. Successivamente il numero di eroinomani ha iniziato a crescere a livello globale fino a raggiungere numeri senza precedenti e molte nazioni iniziarono a introdurre leggi che ne vietassero la vendita. Tuttavia, a causa della colossale domanda da parte dei tossicodipendenti, quando la produzione legale cessò, iniziò un’impressionante produzione illegale.

L’azione inibitoria sul sistema di regolazione delle endorfine, e dunque sul comportamento emotivo e motivazionale, spiega l’effetto di anestesia emotiva sotto l’effetto della sostanza, di indifferenza verso il mondo, di distacco percettivo, di disinteresse affettivo. Questi, spesso, sono i motivi che spingono a scegliere tale sostanza.

Dopo un primo intenso momento di piacere, il cosiddetto flash, segue uno stato di appagamento, di rallentamento del pensiero, dei gesti e comportamenti sino alla sonnolenza.

Infine, il Metadone, un oppioide sintetico con effetti dopanti più brevi rispetto alla morfina ed eroina. Il farmaco può ovviamente creare dipendenza ma può essere utilizzato come sostituto dell’eroina che, se somministrato correttamente, può portare all’estinzione della dipendenza da eroina stessa.

I sintomi più comuni sono:

  • Senso di dolore fisico o emotivo ridotto
  • Sonnolenza o sedazione
  • Biascicamento
  • Problemi di attenzione e memoria
  • Depressione
  • Confusione
  • Mancanza di consapevolezza o disattenzione verso le persone e le cose circostanti
  • Pupille ristrette
  • Problemi di coordinazione
  • Stipsi
  • Naso che cola o piaghe del naso (se si sniffano droghe)
  • Segni dell’ago (se si iniettano droghe)

Cocaina

La cocaina è un alcaloide, il più noto dei diversi alcaloidi contenuti nella pianta di coca che cresce originariamente nel Sud America. Da secoli, per le popolazioni indigene, masticare foglie di coca e ingerire cocaina è un sostanziale aiuto per affrontare efficacemente una serie di problemi specifici che vanno dalla scarsa fornitura di ossigeno nell’atmosfera ad alta quota, al ripristino dell’equilibrio gastrointestinale e all’attenuazione del senso di fame.

La cocaina viene utilizzata come anestetico locale in alcune operazioni chirurgiche, ma il suo uso per scopi ricreativi è ovviamente illegale; solitamente si presenta con l’aspetto di una polvere di cristallo fine e bianca. Gli spacciatori, per aumentare i loro profitti, la mescolano spesso con altre sostanze, tra cui altre droghe come l’anfetamina e gli oppioidi sintetici. L’aggiunta di oppioidi sintetici alla cocaina rende la miscela particolarmente rischiosa e si ritiene che l’aumento dei decessi per overdose dovuto all’uso di cocaina abbia a che fare con tale miscelazione. La cocaina in polvere viene fumata, utilizzata per via nasale (sniffando), strofinata sulle gengive e per risultati più immediati viene iniettata endovena sottoforma di soluzione liquida. L’iniezione o il fumo di cocaina producono uno “sballo” più rapido e più forte ma di minore durata rispetto allo sniffare.

Mentre la cocaina si presenta sotto forma di polvere e di solito viene sniffata, la cocaina Crack (o semplicemente Crack), si presenta sotto forma di solidi blocchi di cristallo di diversi colori. I cristalli vengono riscaldati e poi affumicati (il nome “Crack” deriva dal suono scoppiettante che emettono i cristalli riscaldati). Il crack è molto più potente della cocaina e, poiché viene fumata e non sniffata, ha un effetto molto più immediato ma meno duraturo della cocaina.

 Effetti a breve termine della cocaina:

  • estrema felicità ed energia
  • prontezza mentale
  • sensibilità alla vista, al suono e al tatto
  • irritabilità
  • paranoia
  • pupille dilatate
  • temperatura corporea più alta
  • pressione sanguigna più alta e battito cardiaco più veloce, portando a un rischio maggiore di infarto o ictus
  • sentirsi male allo stomaco
  • irrequietezza
  • diminuzione dell’appetito e perdita di peso
  • incapacità di dormire

Effetti a lungo termine della cocaina:

Gli effetti a lungo termine della cocaina dipendono, in parte, dal metodo di assunzione e comprendono quanto segue:

  • sniffare: perdita dell’olfatto, epistassi, danni nasali e difficoltà a deglutire
  • fumo: tosse, asma e danni ai polmoni
  • consumo per via orale: danno all’intestino (tra lo stomaco e l’ano) causato dalla riduzione del flusso sanguigno
  • iniezione con ago: maggior rischio di HIV ed epatite attraverso aghi condivisi
  • tutti i metodi: cattiva alimentazione e perdita di peso

Anfetamine e Metanfetamine

Anfetamine e metanfetamine sono dei farmaci stimolanti sintetici inizialmente utilizzati nel campo medico e scientifico.

Gli effetti dell’anfetamina nel dare energia ed euforia per il corpo e per la mente hanno portato dall’uso ricreativo all’uso da “droga da discoteca” soprattutto alla fine degli anni ‘90 e fino ai nostri giorni.

Secondo il National Institute on Drug Abuse, l‘MDMA o Ecstasy provoca una serie di effetti, che durano da 3 a 6 ore, tra cui:

  • Ansia
  • Problemi di attenzione
  • Confusione
  • Diminuzione della libido
  • Depressione
  • Impulsivo
  • Insonnia
  • Irritabilità
  • Problemi di memoria
  • Appetito ridotto

Utilizzo improprio di farmaci con prescrizione

I farmaci che riducono l’ansia più comunemente prescritti sono le cosiddette benzodiazepine (conosciute anche come “benzos”), conosciute a livello globale con i loro marchi commerciali come Xanax (alprazolam), Rivotril (clonazepam) e Valium (diazepam). Diversi studi scientifici dimostrano che questi farmaci possono creare dipendenza se usati per un lungo periodo di tempo (che si estende oltre la prescrizione medica).

I soggetti che soffrono di ansia possono diventare dipendenti da queste sostanze, mentre i soggetti che soffrono di disturbo da abuso di altre sostanze, preferiscono usarle al posto dell’alcol quando non possono avere accesso agli oppiacei o ad altre sostanze illecite da cui dipendono.

Se hai bisogno di aiuto o semplicemente vuoi contattare l’Istituto A.T. Beck per qualsiasi informazione,
compila il modulo nella pagina contatti.

Cerca