L’esperienza della gravidanza durante la pandemia

L’esperienza della gravidanza durante la pandemia

L’esperienza della gravidanza durante la pandemia
Photo by Garon Piceli on Pexels

Il coronavirus 2019 (COVID-19), apparso in Cina nel dicembre 2019, diffusosi in tutto il mondo e che ha causato la malattia e la morte di molte persone, è stato dichiarato pandemia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Per prevenire la trasmissione del COVID-19, in molti paesi sono state imposte restrizioni sociali e blocchi.

Il primo caso confermato in Turchia è stato segnalato l’11 marzo 2020, e il Governo e il Ministero della Salute hanno attuato restrizioni sociali immediate (chiusura delle scuole, passaggio alla formazione a distanza, chiusura delle aree sociali come parchi, centri commerciali, molti negozi, cinema, caffè e ristoranti, ecc e coprifuoco). La pandemia di COVID-19 ha influenzato negativamente non solo l’assistenza sanitaria, ma anche la vita psicosociale ed economica in tutto il mondo. In questo periodo sono stati colpiti negativamente soprattutto le persone affette da malattie croniche, gli anziani e le donne in gravidanza che ricevono assistenza sanitaria e servizi regolari. I ricercatori hanno messo a punto questo studio (2021) per identificare gli effetti dell’infezione da COVID-19 sulla gravidanza.

Campione e metodi

La popolazione era composta da donne incinte che sono state ricoverate presso l’ambulatorio di ginecologia dell’ospedale Farabi dell’Università tecnica di Karadeniz. I criteri di inclusione prevedono di avere più di 20 anni, comunicare in turco e non essere positivi al COVID-19. Nel campione sono state incluse donne in gravidanza con diverse caratteristiche socio-demografiche in linea con il principio della massima diversità. I dati sono stati raccolti a dicembre 2020 durante le restrizioni (chiusura delle aree sociali come ristoranti, caffè, cinema, lockdown nei fine settimana, ecc.) nella seconda ondata della pandemia di COVID-19.

Lo studio è stato condotto in un disegno qualitativo con 14 donne in gravidanza che sono state ricoverate in un ambulatorio ginecologico dell’ospedale statale per il controllo prenatale. I dati sono stati raccolti utilizzando un modulo di intervista individuale semistrutturato e sono stati analizzati utilizzando la tecnica dell’analisi tematica. Nell’intervista, in primo luogo, sono state poste le domande della scheda informativa diagnostica (età, istruzione, settimana gestazionale, ecc.). Il modulo del colloquio di approfondimento semistrutturato è composto da sette domande (salute fisica, salute psicologica, adattamento alla gravidanza, follow-up della gravidanza, vita sociale, coping e relazione coniugale). Le domande principali e secondarie hanno permesso di approfondire le esperienze delle donne riguardo alla loro gravidanza durante la pandemia. Le interviste sono durate quasi 25-40 minuti a seconda del partecipante.

Risultati

Lo studio ha rivelato che la pandemia di COVID-19 ha effetti sia positivi che negativi sulle esperienze di gravidanza. La maggior parte delle donne in gravidanza ha avuto un’esperienza di gravidanza negativa a causa dell’ansia, dello stress e della paura per la sicurezza propria e del feto e ha sperimentato l’isolamento sociale e non ha potuto beneficiare adeguatamente dei servizi prenatali. Tuttavia, la pandemia ha anche effetti positivi su alcune relazioni coniugali dei partecipanti, sull’adattamento alla gravidanza e sulle strategie di coping.

Conclusioni

Le donne incinte in questo studio hanno esperienze di gravidanza sia positive che negative durante la pandemia di COVID-19. La salute psicosociale e fisica, la vita sociale, il rapporto coniugale della maggior parte delle donne e il loro accesso ai servizi prenatali durante la pandemia sono stati influenzati negativamente, il che ha portato a esperienze negative di gravidanza. Coloro che hanno vissuto positivamente la loro gravidanza hanno avuto un buon adattamento coniugale e stare a casa durante la pandemia ha permesso loro di prendersi del tempo per se stesse e per i loro bambini. La pandemia ha effetti significativi non solo sulla salute fisica delle donne in gravidanza, ma anche sulla salute familiare, sui rapporti coniugali e sulla vita sociale.

Ad oggi, alcuni studi hanno riportato che le donne in gravidanza incontrano difficoltà come accesso inadeguato ai servizi sanitari, informazioni insufficienti, noia, paura di essere infettati, infettare il feto e altri individui a casa, mancanza di supporto sociale durante il blocco e l’isolamento sociale, solitudine e difficoltà economiche durante la pandemia.

Se l’ansia e le paure delle donne in gravidanza non possono essere prevenute/trattate, possono causare conseguenze ostetriche avverse come parto prematuro, attaccamento materno insufficiente, richiesta di taglio cesareo elettivo, bambino con punteggio APGAR basso, depressione postpartum. Pertanto, gli operatori sanitari dovrebbero identificare i fattori che compromettono la salute psicosociale delle donne in gravidanza e i loro bisogni attraverso servizi di teleconsulto durante la pandemia e garantire l’adattamento alla gravidanza fornendo servizi di consulenza.

 

Riferimenti

Autore/i dell’articolo

Dott.ssa Mariangela Ferrone - Psicologa - Psicoterapeuta - Istituto Beck
Psicologa, Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, Psicoterapeuta TMI (terapia metacognitiva interpersonale) livello EXPERT. Per molti anni è stata Coordinatrice del Centro di Psichiatria Perinatale e Riproduttiva, del Servizio di Psicoterapia e Counseling Universitario presso la UOC di Psichiatria – Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma. Attualmente è docente per l’insegnamento di “Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione” nel corso di laurea in Scienze Infermieristiche, sede Sant’Andrea presso la Facoltà di Medicina e Psicologia – Sapienza Università di Roma, nonché docente interno e supervisore clinico dell’Istituto A.T. Beck per le sedi di Roma e Caserta. Socio Aderente della SITCC (Società Italiana di Psicoterapia Comportamentale e Cognitiva).

Se hai bisogno di aiuto o semplicemente vuoi contattare l’Istituto A.T. Beck per qualsiasi informazione,
compila il modulo nella pagina contatti.

Cerca